Home > Attualità > Comunicati Stampa > Di Martino SL: "Scuole a Vico Equense, rispristinare subito la (...)

Di Martino SL: "Scuole a Vico Equense, rispristinare subito la legalità"

lunedì 14 settembre 2009, di Comunicato Stampa


Napoli - Stamane le scuola della frazione di Arola è stata
bloccata dalla protesta dei genitori e a Ticciano si è tenuto un sit-in
pacifico. La protesta continuerà sino a quando il sindaco di Vico Equense non torna sui suoi passi dando applicazione alla sentenza che gli ordina di riaprire i plessi di Ticciano e Montechiaro, chiusi in violazione di una
delibera regionale. "Ho partecipato alla protesta di stamane ad Arola, dove centinaia di bamibini con i loro genitori hanno invaso la piazza del piccolo borgo montano. E’ assurdo che il sindaco Gennaro Cinque, continui a far finta di nulla. Qui si tratta di far ripristinare rapidamente la legalità. Di applicare una sentenza di un tribunale e di permettere il regolare inizio dell’anno scolastico. Già il decreto Gelmini ha prodotto disastri significativi. Centinaia di migliai di precari senza lavoro, continuità scolastica non garantita e scuole che chiedono pochi spiccioli ai genitori per potersi garantire l’acquisto dei più elementari supporti scolastici. - dichiara Andrea Di Martino coordinatore napoletano dei Vendoliani - Non si aggiunga a tali danni anche la inutile ed ottusa caparbietà di un sindaco, che in questo quadro diviene veramente intollerabile. Abbiamo chiesto al Prefetto di verificare se le decisioni assunte dall’amministrazione vicana non meritaino un intervento sostitutivo atto a garantire il regolare accesso al diritto allo
studio." "Continueremo a stare al fianco degli abitanti di Vico Equense, in ogni forma che con ogni mezzo di lotta pacifico fino a quando non sarà
ripristinata la legalità". Conclude l’esponente di Sinistra e Libertà.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.