Home > Cronaca > Nola, i carabinieri ritrovano un reperto archeologico in un giardino (...)

Nola, i carabinieri ritrovano un reperto archeologico in un giardino privato

sabato 19 settembre 2009, di La redazione


Nola. Un reperto preziosissimo che risaliva all´età augustea invece di essere conservato in un museo faceva da suppellettile nel giardino di un ristorante. Per questa ragione i carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale di Napoli hanno denunciato il proprietario di una prestigiosa Villa che a Nola ospitava banchetti per cerimonie. I militari hanno sequestrato una "Metopa" marmorea di età augustea. Il manufatto recuperato e´ un elemento architettonico facente parte di un mausoleo funerario o di un edificio pubblico e risale alla fine del I sec. a.C. o agli inizi del I sec. d.C.. Ritrovato, quasi sicuramente, in degli scavi abusivi e trafugato dai "tombaroli". Gli uomini dell´Arma hanno effettuato un sopralluogo nella lussuosa struttura ricettiva, e come ornamento del parco adiacente il ristorante hanno individuato il blocco marmoreo finemente decorato con bassorilievi. Il titolare della struttura è stato trovato sprovvisto di qualsiasi titolo che potesse giustificare il possesso del reperto archeologico, che è stato naturalmente sequestrato, ed è stato denunciato all´autorità giudiziaria per il reato di impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato. Il reperto e´ stato sottoposto a perizia tecnica da parte di un funzionario archeologo della Soprintendenza di Napoli e Pompei che ne ha attestato l´autenticità e la datazione, sottolineando soprattutto che per il pregio del materiale di cui è fatto e la fattura il suo ritrovamento assume una notevole rilevanza scientifica. Nei prossimi giorni la Metopa marmorea sarà trasportata presso il museo archeologico di Nola per esporla al pubblico. Così come altre opere ritrovate dal Nucleo tutela patrimonio culturale, opere uniche che sono in esposizione, e fino al 4 ottobre, nella mostra "L´Arma per l´arte - archeologia che ritorna" allestita nelle sale dell´appartamento storico del Palazzo reale di Napoli. in napoli dei piu´ importanti e rappresentativi reperti archeologici recuperati e restituiti ai loro contesti originari dai carabinieri del t.p.c., si prefigge lo scopo di fornire ai visitatori una sintesi significativa dell´impegno che il comando ha profuso sin dalla sua istituzione (risalente all´anno 1969) per la tutela del patrimonio culturale ed archeologico dello stato.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.