Home > Attualità > Ente ville vesuviana, è Giuseppe Galasso il presidente

Ente ville vesuviana, è Giuseppe Galasso il presidente

sabato 26 settembre 2009, di Domenico Maria


Ercolano – Con l’elezione di Giuseppe Galasso alla carica di Presidente, si è concluso l’iter della creazione e attivazione della Fondazione Ente Ville Vesuviane, istituita con decreto del Ministro dei Beni e le Attività Culturali dello scorso 16 luglio. Il Consiglio di Gestione è costituito da Diana De Feo, parlamentare del PDL, Claudio Azzolini, ex parlamentare PDL, Emilio Parrella, ex Sindaco di Portici e Salvatore Onofaro, Sindaco di Qualiano.

La Fondazione raccoglie l’eredità dell’Ente Ville Vesuviane, nato nell’ormai lontano 1971, per tutelare l’immenso patrimonio artistico e architettonico delle splendide dimore che l’aristocrazia napoletana edificò nel Settecento tra Barra e Torre Annunziata. Nel corso dei ventotto anni di attività l’ente ha censito ben 122 siti, i più prestigiosi dei quali sono stati restaurati e resi fruibili per istituzioni, attività ed eventi culturali. Il Festival delle Ville Vesuviane, giunto quest’anno alla ventiduesima edizione, testimonia l’impegno dell’Ente a favore della promozione culturale del territorio. Giuseppe Galasso, docente universitario e storico di fama internazionale, è stato salutato dal Commissario uscente dell’Ente Ville Vesuviane Arnaldo Sciarelli, che ha ricordato l’impegno di tutti coloro che si sono succeduti negli anni per rafforzare ed estendere l’impegno dell’Ente a favore della diffusione della cultura e della tutela del patrimonio della costa vesuviana, sottraendolo al degrado e all’incuria degli uomini. Segretario della Fondazione è l’architetto Paolo Romanello, per vent’anni Direttore dell’Ente Ville Vesuviane.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.