Home > Attualità > Comunicati Stampa > Nola, approvato in Consiglio il riequilibrio di bilancio

Nola, approvato in Consiglio il riequilibrio di bilancio

mercoledì 30 settembre 2009, di Comunicato Stampa


Approvato dalla sola maggioranza il riequilibrio di bilancio che come è noto, ha come termine ultimo fissato per legge il 30 settembre.
Illustrato al Consiglio, dall’Assessore al Bilancio Antonio Russo, l’argomento ha rappresentato un vero e proprio terreno di scontro tra maggioranza ed opposizione. In particolare l’opposizione chiedeva di rinviare la seduta del Consiglio Comunale, al fine di consentire l’esame e l’analisi dei debiti per verificarne l’origine e le responsabilità, soprattutto in considerazione del fatto che quasi tutte le sentenze in oggetto erano inerenti a sinistri causati da buche. Una posizione espressa negli interventi dei consiglieri Scala e Maffettone (Pd) e che veniva sostanziata in una proposta avanzata all’intero consiglio comunale, dal consigliere di opposizione Raffaele Giannini, che riteneva opportuna un’istruttoria sull’analisi del debito, dalla genesi all’uscita di cassa, al fine di consentire alla Corte dei Conti di individuare le responsabilità. La proposta è stata respinta. Diversa infatti la tesi della maggioranza, in quanto i debiti in esame, risalenti a svariati anni addietro, erano originati da una sentenza del giudice.
“Quello dei debiti fuori bilancio è un problema antico che investe almeno gli ultimi venti anni – ha dichiarato il Sindaco Geremia Biancardi –. Quelli che stiamo analizzando sono solo quelli relativi a sentenze passate in giudicato. In tal senso – ha aggiunto il primo cittadino – abbiamo l’obbligo di riconoscerli, salvo le responsabilità che la Corte dei Conti ravviserà eventualmente nell’opera dei dirigenti. L’amministrazione da me guidata darà una svolta per sanare questo cattivo modo di gestire. Da giugno ad oggi, non abbiamo prodotto alcuna delibera o determina senza impegno spesa. Inoltre ho dato disposizione al dirigente dell’avvocatura di trasmettere alle autorità competenti tutte le sentenze relative alle buche”.
E alla fine il riconoscimento dei debiti in esame è stato votato dalla sola maggioranza, allegando l’indirizzo politico del consiglio comunale, affinché la Corte dei Conti verifichi le eventuali responsabilità, così come proposto dal consigliere Andrea Manzi (Pdl).
Altro argomento della seduta è stata la variazione di bilancio (pari a 700.000 euro), già disposta con delibera di Giunta, in relazione al secondo lotto di lavori del costruendo Museo delle Macchina da Festa e della Cartapesta.
Lo stesso Sindaco Biancardi ha spiegato come entro il 30 dicembre 2008 il Comune avrebbe dovuto espletare la gara d’appalto per il secondo lotto dei lavori, per accedere al finanziamento regionale di 700.000 euro. Tutto questo, però, non è stato fatto dagli uffici competenti nei termini previsti e l’amministrazione ha perso il finanziamento. Anche in questo caso, Biancardi ha dichiarato di trasmettere tutti gli atti relativi all’espletamento della gara alla Corte dei Conti per verificare eventuali responsabilità. La variazione è stata votata dalla sola maggioranza. Il Pd al momento del voto ha abbandonato l’aula. E’ stato poi precisato dallo stesso Sindaco che vi è possibilità che in una fase successiva, la Regione possa riconoscere ugualmente il finanziamento, consentendo un risparmio all’ente comunale.
Come previsto dall’ordine del giorno, l’assise cittadina ha dato il via libera per l’adesione al consorzio S.O.L.E. (Sviluppo Occupazione Cammini di Legalità Economica) un consorzio della Provincia di Napoli, che permette alle amministrazioni la riutilizzazione sociale dei beni confiscati alla criminalità organizzata.
Infine, dopo aver preso atto delle dimissioni del Presidente della Commissione Finanze Cosimo Santaniello ed ufficializzato la nomina del suo sostituto Carmine Pizza, è stata votata la proposta dell’Assessore alle Attività produttive Giuseppe Esposito relativa alla presenza sul territorio di attività artigianali di modesta entità e con ridotto inquinamento atmosferico, previo adeguamento delle norme igieniche sanitarie e ambientali e in deroga al regolamento che prevede lo spostamento di tali attività in una area PIP. Approvata la proposta dell’Assessore Esposito, la seduta è sciolta.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.