Home > Politica > Il sindaco Ambrosio: "Loro attaccano e io sono sempre più tranquillo"

Il sindaco Ambrosio: "Loro attaccano e io sono sempre più tranquillo"

sabato 24 ottobre 2009, di Serena Ruta


San Giuseppe Vesuviano: Ancora polemiche, ancora contrasti ma sopratutto interrogazioni al ministro Maroni sulla questione dle governo Ambrosio. E dopo l’ultimo attacco a firm del Partito Democratico ecco la controparte, il sindaco Antonio Agostino Ambrosio, come risponde: "Loro mi attaccano ma noi siamo sereni perché siamo certi che le attività amministrative del Comune di San Giuseppe Vesuviano non sono mai state condizionate, per quel che ci riguarda, dalla criminalità. Lo sciacallaggio relativo alle vicende della Commissione d’Accesso del Comune di San Giuseppe Vesuviano continua in maniera rozza e faziosa. Ora sono alcuni deputati del PD a gettare fango gratuito sul Comune di San Giuseppe Vesuviano, per “sponsorizzare” i pochi sodali sangiuseppesi che, storicamente, non hanno ricevuto mai grandi consensi a San Giuseppe Vesuviano. Piuttosto che pensare ad altri Comuni amministrati dalla sinistra che forse meriterebbero accertamenti idonei da parte delle Istituzioni competenti, per verificarne il comportamento amministrativo, alcuni deputati del PD tentano di “interferire” sull’istruttoria in atto da parte del Ministero dell’Interno. Ormai vige la triste moda da parte di certa politica, di sollecitare scioglimenti a destra e a manca, al di là del merito delle vicende. Siamo certi che i funzionari del Ministero dell’Interno valuteranno gli atti con serietà e competenza e non si lasceranno condizionare dalle interferenze strumentali dei nostri avversari politici”. Che dire? L’attesa sembra essere ancora lunga per una commissione d’accesso che ha passato al vaglio ogni atto da mes ma che ancora non si è espressa.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.