Home > Cronaca > Ottaviano: Allaccio Enel, gli operai lasciano la strada in dissesto

Ottaviano: Allaccio Enel, gli operai lasciano la strada in dissesto

domenica 1 novembre 2009, di Giovanna Salvati


Ottaviano: Scavano per creare un attacco Enel ma lasciano la strada senza ricopertura di asfalto tanto da creare un dissesto stradale e l’ira dei residenti “scavano, rompono, fanno i loro comodi e poi lasciano la strada cosi causando a noi residenti i problemi”. E cosi che viene alla luce l’ennesimo comportamento di ottavianesi indisciplinati che con menefreghismo alimentano disagi ai cittadini. Ci troviamo in via Mozzoni, la segnalazione arriva da parte di alcuni cittadini al comando della polizia “ sono cinque giorni che è stato effettuato uno scavo per creare un allacciamento Enel da una parte all’altra di una strada ma ancora non provvedono a tamponare lo scavo”. Cosi parte la polemica sul tratto di strada in questione che finisce nel mirino dei controlli degli agenti della polizia municipale coordinati dal comandante Vincenzo Acerra. Quello che però rimane ancora da stabilire è chi abbia autorizzato un simile scavo. Non c’è l’ombra di nessuna autorizzazione infatti secondo i primi controlli che sembrano cosi mettere sotto i riflettori la remota possibilità di un caso abusivo. Nel frattempo dopo la segnalazione fatta ai vigili urbani la strada verrà ricoperta da una ditta che cercherà di tamponare lo scempio stradale. Nel frattempo quello che rimane è l’ennesimo comportamento di cittadini indisciplinati che senza tener conto delle regole del rispetto civile continuano a mettere in campo opere senza logica e considerazione degli altri. “Già ho forato due gomme della mia macchina a furia di passare per quella strada e ora chi me le paga?”.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.