Home > Cronaca > Terzigno: Proprietario di un pub si impicca. Aveva problemi (...)

Terzigno: Proprietario di un pub si impicca. Aveva problemi finanziari

martedì 17 novembre 2009, di Giovanna Salvati


Terzigno: Troppi i debiti che probabilmente aveva accumulato per mantenere su quell’attività che da qualche mese non gli portava cosi tanto successo. Una famiglia da sostenere, le spese per il locale, e il suo stato di depressione. Tanta voglia di confidarsi con qualcuno che però ancora non aveva trovato. Ed è cosi che soffocato dai troppi problemi ha deciso di togliersi la vita. Lui, un 56enne del luogo G. B. proprietario di un pub si è impiccato domenica sera intorno alle ore 21,00. Nella stanza buia dello scantinato del suo locale l’uomo si è impiccato con una corda. Una morte cruenta, fredda, quella che si è presentata dinanzi agli occhi dei familiari. Era sceso in cantina per prendere delle bottiglie, i clienti sarebbero arrivati e lui come sempre non voleva trovarsi impreparato alle richieste dei sui clienti. Era di li trascorsa un ora e non era ancora risalito, tanto che nonostante lo avessero chiamato più volte l’uomo non aveva dato nessun cenno. Dopo qualche istante subito alcuni suoi dipendenti sono scesi e li la scena. Dinanzi ai loro occhi il corpo di G.B. senza vita. Un urlo squarciante ha interrotto il silenzio che fino a qual momento aveva fatto da padrona solo la musica soffusa del locale. Subito è scattata la chiamata al 118 che nonostante sia arrivato tempestivamente sul posto non ha potuto che confermare il decesso dell’uomo. Secondo le indagini dei carabinieri l’uomo da tempo versava in uno stato di depressione continua, era molto silenzioso ma a chiunque gli chiedeva se c’erano problemi lui ha sempre negato al contrario rispondeva con un sorriso a testimonianza che tutto andasse bene. Ma poi il colpo di scena. Alla base probabilmente debiti per sostenere le spese del locale che da qualche tempo non andava più bene come prima. La salma è stata trasportata la II Policlinico di Napoli in attesa dell’esame autoptico. Una vicenda che lascia una cittadina sotto choc, per un uomo conosciuto, una persona perbene che con sacrifici e determinazione aveva aperto un attività che era stato per anni il ritrovo dei giovani del posto.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.