Home > Cronaca > Tenta di uccidere il fratello a coltellate, arrestato

Tenta di uccidere il fratello a coltellate, arrestato

sabato 21 novembre 2009, di Gabriella Bellini


Marigliano. Ha tentato di uccidere il fratello per questioni economiche. Lo ha accoltellato con tanta forza da spezzare la lama nella carne, è stato però prontamente arrestato. Scenario di questo episodio violento il rione Pontecitra a Marigliano, all’interno delle palazzine della ricostruzione post terremoto stava per consumarsi una tragedia familiare. Erano circa le 17 di giovedì pomeriggio quando Luciano Moccia, 49 anni, ha colpito il fratello Benito, di 33 anni, nel corso di una lite. Entrambi gli uomini sono già noti alle forze dell’ordine e negli ultimi tempi le loro liti erano diventate quasi quotidiane. Nell’ultima però stava per scapparci il morto. Luciano ha colpito il fratello minore più volte, e in varie parti del corpo, poi è fuggito via. Ma le urla che avevano accompagnato il tentato omicidio non sono passate inosservate e qualcuno ha allertato i carabinieri della locale stazione, che sono prontamente intervenuti sul posto. Le immediate ricerche hanno portato a rintracciare l’uomo nei pressi della sua abitazione, alla vista dei militari ha tentato la fuga, ma è stato poi bloccato sul terrazzo della sua palazzina. Ora il 49enne dovrà rispondere di tentato omicidio e lesioni personali. Nel frattempo Benito Moccia era stato soccorso dal personale del 118 e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Nola. Qui i medici gli hanno riscontrato “ferite da punta e taglio al mento, al torace ed alle gambe destra e sinistra con ritenzione di una lama” ritenute guaribili in 10 giorni. L’uomo è stato ricoverato per consentire l’estrazione della lama, della lunghezza di 12 centimetri, che era rimasta conficcata nella gamba sinistra. La lama è stata poi sequestrata insieme al manico del coltello che è stato trovato dai militari nel cestino dei rifiuti nell’abitazione di via Pontecitra. Per chiarire i motivi di un gesto tanto violento stanno ora indagando i carabinieri, coordinati dalla Compagnia di Castello di Cisterna al comando del capitano Orazio Ianniello.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.