Home > Politica > Alvei, le richieste di Mocerino alla Regione

Interrogazione del consigliere Udc sui finanziamenti che non arriveranno a Somma

Alvei, le richieste di Mocerino alla Regione

domenica 29 novembre 2009, di Gabriella Bellini


Somma Vesuviana. Uno dei territori con la maggiore presenza di regi lagni non usufruirà dei fondi e gli interventi che la Regione ha stabilito nell’agosto scorso. Un paradosso che fu sollevato all’epoca anche dal sindaco Ferdinando Allocca e che ora è oggetto di un’interrogazione presentata dal capogruppo regionale dell’Udc, Carmine Mocerino (nella foto). “Considerato che i dissesti idrogeologici che di frequente si verificano nella nostra regione”, scrive l’esponente moderato nella sua interrogazione indirizzata al governatore Antonio Bassolino, agli assessori regionali all’Ambiente Walter Ganapini e all’Agricoltura Gianfranco Nappi, “dipendono spesso da una non adeguata irreggimentazione delle acque meteoriche ritenuto quindi che il territorio vesuviano è attraverso da diversi ed importanti tratti dei regi lagni che dal moneta somma si dirigono verso valle e che gli stessi furono costruiti soprattutto per i torrenti di fango che in particolare il Comune di Somma Sesuviana è attraversato da circa 10 tratti di regi lagni allo stato in pessime e precarie condizioni di equilibrio idrogeologico ed assolutamente lontani dalle condizioni di utilizzo per cui furono costruiti, considerato che c’è sempre meno attenzione al sistema idrogeologico del territorio vesuviano di cui i regi lagni sono la struttura principale interroga per sapere quali sono le motivazioni per i quali i Comuni vesuviani e d in particolare Somma Vesuviana non sono stati inseriti nel progetto di riqualificazione dei regi lagni e quali provvedimenti di intendono adottare anche di natura ispettiva affinchè sia garantita funzionalità idraulica dei regi lagni dell’area vesuviana e tutelata la pubblica incolumità dei cittadini delle aree interessate”. Il provvedimento cui fa riferimento Mocerino è il Piano di salvaguardia e di recupero dei regi lagni che la Regione ha finanziato per 50milioni di euro. Un progetto nato su proposta proprio di Bassolino, Nappi e Ganapini. Gli interventi interesseranno, tra l’altro, i territori di Marigliano, San Vitaliano, Cimitile, Nola, Casamarciano e San Paolo Belsito oltre alle aree dei Consorzi Asi che risiedono proprio tra Nola e Marigliano. Il progetto prevede l´adeguamento delle attività di depurazione, la regolazione degli scarichi dei Comuni dell´area interessata. Verranno, inoltre, costruiti dispositivi per la produzione di energia da fonte alternativa. Interventi importanti, dai quali però è tagliata fuori, senza una ragione chiara, Somma Vesuviana e l’area vesuviana dove invece gli alvei sono spesso motivo di pericolo.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.