Home > Attualità > Comunicati Stampa > Boscoreale. Insediata la consulta comunale anticamorra e sulle (...)

Boscoreale. Insediata la consulta comunale anticamorra e sulle manifestazioni di violenza ed illegalita’

martedì 22 dicembre 2009, di Comunicato Stampa


Si è insediata ieri sera, nel corso di una pubblica seduta, la Consulta comunale anticamorra e sulle manifestazioni di violenza e di illegalità, presieduta dal sindaco Gennaro Langella.
Massiccia la partecipazione dei rappresentanti delle scuole, associazioni, comunità religiose, delle categorie socio-economiche e ordine degli avvocati, ecc..
Il primo atto formale della Consulta è stato quello di deliberare l’istituzione di uno sportello antiracket che a breve sarà aperto sul territorio comunale. L’organismo, il cui insediamento, si rammenta, è stato votato all’unanimità dal Consiglio Comunale, si è anche soffermato ad esaminare le varie problematiche del territorio convenendo che tra i primi interventi da attuarsi è di dare priorità a programmi di educazione alla legalità attraverso le scuole. In tale ottica le associazioni partecipanti alla Consulta hanno manifestato la loro disponibilità ad organizzare anche laboratori vari presso le scuole.
La Consulta comunale anticamorra ispirerà la sua azione al principio della partecipazione e della pubblicità, e sarà un organismo d’indirizzo, di proposta, d’incoraggiamento e di sostegno alle attività di prevenzione e di contrasto ai fenomeni criminali. Promuoverà progetti e iniziative di educazione alla legalità, lo scambio di esperienze con altre realtà locali e assicurerà il sostegno ai soggetti più esposti alla violenza e alle influenze della criminalità.
Come già anticipato nei mesi scorsi il Sindaco ha nominato quale membro della Consulta l’imprenditore boschese Luigi Coppola, testimone di giustizia sottoposto a speciale misura di protezione, il quale lo scorso ottobre ha rappresentato il Comune di Boscoreale alla II edizione di “Contromafie”, gli Stati Generali dell’Antimafia convocati da Libera, il cartello di circa 1500 associazioni antimafia attivo fin dal 1995.
Profondamente soddisfatto il sindaco Gennaro Langella, fermo assertore che “Contro ogni forma di criminalità, a sostegno anche della quotidiana intensa azione meritoria delle forze dell’ordine, occorre moltiplicare la prevenzione attraverso l’identificazione di un nuovo modello di coesione sociale”, ha ribadito che “L’Istituzione Comune è uno dei primi baluardi della democrazia sul territorio e deve intraprendere ogni azione per contrastare qualsiasi forma di criminalità, di violenza e di illegalità che possa mettere a repentaglio anche la tenuta democratica della nostra società”.
L’organismo consultivo si è aggiornato per il prossimo mese di gennaio anche per analizzare ed elaborare altre proposte operative che vadano sempre nella direzione del contrasto ai fenomeni di criminalità.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.