Home > Speciali > La musica che mi gira intorno > Al buio non parliamo delle stagioni

Al buio non parliamo delle stagioni

Il libro di Marialuisa Amodio sarà presentato in anteprima nazionale Sabato 13 febbraio presso la libreria ’Il Mattone’ sita in via G. Bresadola a Roma.

domenica 31 gennaio 2010, di Ciro Castaldo


Marialuisa Amodio è nata a Matera nel 1979. Ha studiato cinema e arti visive all’Accademia dell’Immagine a L’Aquila e si è laureata in antropologia culturale a Roma. Finalista del Campiello Giovani nel 1997, ha recentemente pubblicato vari racconti in antologie: 2007-2027. Come siamo. Come saremo? (Universal); Amore 2.0 (Edizioni 9muse); Vamp 2009 (Area 31 Press);
Al buio non parliamo delle stagioni è il suo primo libro.

Roma. Il buio. Ciò che sfugge al nostro controllo, prende il sopravvento sulla consapevolezza. Prigionia della determinazione. Censura e cesura della conseguenza. Redenzione e libertà dell’immaginazione. L’impossibile non esiste. Il buio. Il fondo dell’abisso. Il crogiolo della creazione.

Marialuisa Amodio, nella sua raccolta ’Al buio non parliamo delle stagioni’, vincitrice della seconda edizione del Premio ’Narrando’, guida il lettore, attraverso gli echi sottili e insinuanti della memoria, nell’improbabile spazio dell’ordinario, nell’irreale latente nel quotidiano, in una dimensione di cui è impossibile e poco opportuno parlare, ma che è inconoscibilmente e irraggiungibilmente, terribilmente e assolutamente, dentro di noi in ogni stagione della nostra vita. (Francesca Toglia).

Marialuisa tesse questa sua tela tra l’ammiccante e il commovente con un filo pulito di inchiostro noir che non conosce le sbavature ed è questo un aspetto che particolarmente mi rincuora. Una volta tanto nel leggere ho sentito emergere una personalità originale e, mi permetto, anche di grande interesse. Il fatto che, a differenza di tanti “nuovi” scrittori non abbia sentito la necessità di imitare chi l’ha preceduta è una qualità che merita una lode specifica. Scrivere “con” il lettore e non “per” il lettore è indice di talento vero. (Dalla prefazione di Tullio Dobner, traduttore ufficiale del maestro del noir Stephen King).

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.