Home > Cronaca > San Giuseppe Vesuviano. Infiltrazioni, controlli al Municipio

San Giuseppe Vesuviano. Infiltrazioni, controlli al Municipio

martedì 16 marzo 2010, di Giovanna Salvati


San Giuseppe Vesuviano. Tensione alta nella casa municipale della cittadina di San Giuseppe Vesuviano: a finire nel mirino sono i dipendenti comunali ed alcuni agenti della polizia municipale per presunta collisione camorisstica. Sembra essere questa, seppur per ora non fonte ufficiale, la notizia di alcuni controlli per una parte dei dipendenti comunali. Personale finito nel mirino dei controlli da parte delle forze dell’ordine dopo lo scioglimento del consiglio comunale avvenuto lo scorso 3 dicembre per presunte infiltrazioni camorristiche. E nonostante diversi mesi siano ormai passati e i commissari prefettizi stiano portando avanti con estrema caparbietà e legalità le redini della cittadina, il capitolo non sembra ormai chiuso, al contrario. Sono giorni che i dipendenti comunali versano in uno stato di ansia e apprensione per quello che sarà il loro destino, un futuro incerto e che potrebbe ad ore cambiare l’assetto di alcuni uffici, e riportare un nuovo scossone terremotale nel piccolo palazzo governativo. Secondo quanto si apprende, un grosso punto interrogativo grava sulla “testa” di alcuni dipendenti comunali che potrebbero essere nei prossimi giorni beneficiari dell’articolo 143, che si riferisce “alla situazione dello scioglimento dei consigli comunali e provinciali conseguente a fenomeni di infiltrazione e condizionamento mafioso”, ovvero che avrebbero potuto (tutto è ancora da dimostrare) avere stretto contatto con alcuni personaggi ,dando vita ad una collisione camorristica. E cosi la notizia, trapelata nell’ambiente, avrebbe fatto preoccupare qualche dipendete anche se sono gli stessi a smentire “si continua a parlare di cose inesistenti, qui la camorra non c’è mai stata”. Ma a finire sotto l’ obiettivo non solo alcuni dipendenti comunale, sembrerebbero in tutto essere quattro, ma anche tre agenti della polizia municipale. Insomma un nuovo scandalo nel comune? Sicuramente un capitolo che non sembra mai finire per una cittadina che non smette mai di far parlare di sé. Al momento le verifiche sono tuttora in corso, verifiche completamente blindate e nel caso quest’ultime emettano esito positivo per quanti coinvolti , anch’essi verranno sospesi dall’attuale servizio. L’ombra della giustizia e ancor prima della legalità continua il suo percorso in una cittadina che non vuole far altro che “dimenticare”.

Messaggi

  • Cara Dotoressa Salvati,definire i Commissari Prefettizi delegati dal prefetto Pansa alla guida del comune di San Giuseppe Ves. "dei caparbi della legalità" mi sembra un poco eccessivo.
    Mi spiego.
    Questi signori pochi giorni dopo l’insediamento hanno interrotto i termini del bando per la nomina del Nucleo di Valutazione e del Comitato Controllo di Gestione. Giustamente nel proprio diritto,dando spazio ad altri concorrenti di partecipare.Sono stati premiati,fra tanti,manco a farlo apposta tutte persone in area prefettura,addirittura un prefetto del centro nord residente ad Ottaviano ha vinto la lotteria.Qualche malintenzionato potrebbe ipotizzare che si sia garantito le spese per il rientro a casa del sig prefetto nominato nel Nucleo di Valutazione,ma si sà queste sono solo cattiverie.
    Resta il fatto che ad oggi i commissari,paladini della legalità governativa,hanno inserito nell’organigramma del comune ben 9 tecnici,che fatta esclusione per il consulente legale,non incidono assolutamente sull’operatività gestionale della macchina comunale,il loro operato è solo a valle della gestione e,per il legislatore,servivano per bilanciare la cancellazione del CO.RE.Co ( Comitato Regionale di Controllo) soppresso dalla normativa,ma nella realtà usati da sindaci scaltri per ricattare i funzionari e piegarli alla volontà politica. Sono poi nomine che personalmente definisco " miserabili" da un punto di vista economico perchè si aggirano intorno ai 10.0000 euro all’anno,vanno date usualmente ad alti funzionari in pensione in forma di prestigio giusto per dare un tono all’Amministrazione,solo a San Giuseppe Ves.assumono un carattere da uso spregiudicato del potere.
    Queste nomine sono state tutte fatte con il triste metodo dell’Intuitu Personam,modificato dai commissari in : Intuitu Curriculum et Studiorum,quando si dice il latino. Sempre un malizioso potrebbe ipotizzare che i commissari abbiamo messo la vasellina all’Intuitu Personam,ma queste sono solo illazioni.
    Bene tutta questa rapidità gestionale poi si è impantanata nella scelta degli scrutatori,nonostante il sollecito dell’ex capogruppo in consiglio comunale del PD Dora Franzese che chiedeva regole trasparenti nella scelta,i commissari,adducendo la mancanza di tempo,hanno preferito sorteggiare fra la lista in possesso all’Ufficio Elettorale.Lista composta dal 99% di persone che già avevano svolto il compito di scrutatore,quindi Clientes del passato regime,e solo da qualche idealista che credeva esistesse la Legge anche dalle nostre parti,dimentico che l’amministrazione sciolta per infiltrazione camorristica ha usato la nomina degli scrutatori come leva per aggiudicarsi il consenso politico.Sempre più strano questo comportamento quando il Commissario Prefettizio dott. Trotta è fra coloro che hanno contribuito a scrivere l’attuale Legge Elettorale definita " Porcata" dal suo primo firmatario :Sen. Calderoli.Per usare una definizione di Di Pietro "....non poteva non sapere....". Risultato: sono stati nominati una decina di persona nate negli anni ’40 e molti negli anni ’70,quindi avremo fuori ai seggi il mercato di chi ha mandato un suo " amico" con la delega,presidenti che si sono portati qualche amico in più e qualche idealista che tenta la carta della sorte Last Minute.In breve il caos.
    Bene questi paladini della legalità,chiusi nelle ovattate stanze del comune,stanno procedendo alla nomina di altri 4 tecnici da inserire nella Commissione Paesagistica e un altro tecnico per I problemi Ambientali.
    Questa ultima figura è,secondo me,emblematica della gestione commissariale prefettizia a San Giuseppe Ves.Questo signore prenderà euro 4.000 al mese ( lorde ) per spiegarci che l’umido va nella busta trasparente e il secco nella busta grigia,poi dirà agli autisti del comune di portare la monnezza nel tale fosso dove l’Alto Commissariato provvederà a seppellirli con buona pace di tutti.
    E i commissari prefettizi ci avranno insegnato le regole del vivere civile.
    Sull’argomento va notato che, tecnico o non tecnico,il comune ha appena visto andare deserta proprio la gara sulla gestione dei rifiuti.Gara andata deserta perchè il sig. Bertolaso prima di andare via ci ha lasciato il decreto che provincializza la TARSU e la gestione dei rifiuti,quindi il delegato del " Governo del Fare" ha messo su 5 grandi carrozzoni politici per gestire la monnezza di tipo sovietico in salsa camorristica.Risultato alle ditte non conviene fare una gara da 3 milioni di euro all’anno per sei mesi e si lascia l’attuale gestore in forma di trattativa privata.Grazie a Bertolaso.

    Sui dipendenti del comune vorrei dire: BASTA! Basta con questo clima da caccia alle streghe,considerali tutti dei camorristi o dei collusi con il passato regime.La maggior parte di loro sono stati assunti per raccomandazione politica,cosa che sanno tutti,e per definizione hanno sempre servito il potere in forma acritica,ma da qui a considerali responsabili del disastro mi sembra un’assurdità,forse bisognerebbe girare l’obbiettivo su i tanti politici e magistrati che negli anni si sono seduti nell’aula consiliare nei " convegni culturali" organizzati dalla passata amministrazione e che hanno dato copertura poitica agli atti amministrativi della giunta Ambrosio. Ecco forse fare qualche domanda a loro non sarebbe male oppure chiedere a chi ha fatto il pieno di voti a San Giuseppe Ves. conto del disastro lasciato dall’Amministrazione Ambrosio.
    Cara Dottoressa Salvati,io capisco che fare i titoloni aiuta a vendere i giornali,ma forse approfondire i fatti non sarebbe male, perchè spesso quello che sembra ovvio invece nasconde altre verità.
    Io la ringrazio in anticipo dello spazio che Lei e il suo giornale vorrete accordare a quanto da me scritto.
    MIMMO RUSSO

  • Peraltro i Commissari sembrano essere in possesso del dono della veggenza. Infatti, vedi il caso dell’avvocato assunto curriculum intuitu personae, già collaborava con la stessa prima che addirittura si bandisse l’avviso pubblico. Anzi già era parte integrante della Commissione. Strano, vero? A proposito di stranezze l’avvocato assunto intuitu personae costa al Comune il doppio di quanto costava l’avvocato assunto da "Tonino" con lo stesso metodo intuitu personae.
    A me queste cose mi puzzano!Caro Mimmo sei un grande.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.