Home > Politica > Terzigno. Dopo i festeggiamenti Auricchio disegna la nuova giunta

Terzigno. Dopo i festeggiamenti Auricchio disegna la nuova giunta

mercoledì 14 aprile 2010, di Giovanna Salvati


Terzigno. “Sarò l’amico fidato e l’amministratore modello per i cittadini di Terzigno” cosi commenta il neoeletto sindaco Domenico Auricchio dopo i festeggiamenti di ieri che fino a tarda sera hanno inondato le strade cittadine, che con il 61,64% ha sconfitto al turno di ballottaggio Franco Annunziata con il 38,36%. Un turno elettorale che si conclude con vinti e vincitori, sconfitti e tante polemiche, condite con quel pizzico di accuse che ne hanno fatte da padrone, il tutto in un clima fatto anche di tensioni e subbugli. Sarà ricordata per la campagna elettorale della discarica, o meglio di chi ne ha fatto un cavallo di battaglia, che però si è rilevato un vero e proprio cavallo di Troia, nella figura di Nunzio Avino . Ma i dati parlano chiaro. L’era Mimi si riapre per il secondo anno,nonostante la congiura che lo aveva portato all’abbandono del palazzo municipale, ma ieri come nel lontano 2007 le percentuali parlano di preferenze alle stelle ed è cosi che si riparte da zero con Domenico Auricchio sindaco di Terzigno. Lui, semplice, fittavolo e stimato lavoratore della cittadina, non aveva mai smesso di credere in un riscatto dopo un tradimento alle spalle che mai avrebbe immaginato. “Un presidente del consiglio che mi vota contro, se ci penso sto ancora male”. Aveva confessato dietro le quinte. Ma è da quel lontano 3 giugno, giorno della caduta del governo Auricchio, tra accuse e polemiche che lo additavano come fautore della discarica, lui aveva messo da parte quella voglia di ridare al paese dignità e coscienza, di donarsi senza se o ma. E cosi aveva iniziato la formazione di un nuovo direttivo tutto nuovo e tutto giovanile , che ieri, come il battaglione di un esercito a marciato al suo fianco con gli occhi lucidi e lo sventolio della bandiera del Pdl, quella bandiera per lui divenuta Bibbia. “Ieri ho vinto ma da domani inizio a rimboccarmi le maniche e a rimettere in campo tutte le mie idee, le mie battaglie e la prima fra tutte quella della discarica che io non ho mai voluto” cosi grida Auricchio, con quella voce rauca, segno della notte trascorsa tra brindisi e festeggiamenti. Quello che ora aspetta Auricchio è la scelta della sua squadra che potrebbe rivedere nuovamente al suo fianco come vicesindaco Francesco Ranieri. Ampio spazio in giunta sarà dato senza dubbio all’assessore uscente Alberto Romano e Alfredo Ranieri, e un ruolo ci sarebbe anche per Arcangelo Manzo. Ma tutto per ora rimane top secret. Quello che è chiaro è la composizione del consiglio comunale che sarà cosi formato: per il Pdl i consiglieri saranno Giuseppe De Simone,Arcangelo Manzo, Stefano Pagano Felice Avino, Vincenzo Guerriero di appena 22 anni, Raffaele Ranieri. Per l’Mpa scattano tre consiglieri: Francesco Ranieri, vicesindaco uscente, Giovanni Tomassi ed Armando Casillo. Per La Destra invece Antonio Vaiano ed Alfonso Pagano. Tra i banchi della minoranza siederanno invece il candidato sconfitto al ballottaggio Franco Annunziata, Francesco Nappo, Vincenzo Aquino, Massimo Annunziata per la civica Oltre il Vesuvio, Salvatore Annunziata. Con lui Giuseppe del Giudice in rappresentanza di Insieme per Terzigno , Salvatore Mosca e Nunzio Avino per l’Udc.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.