Home > Attualità > Alunni in festa per la settimana ecologica

Alunni in festa per la settimana ecologica

lunedì 15 ottobre 2007, di Giovanna Salvati


SAN GENNARELLO: Si è conclusa ieri mattina nella scuola media G.D’Annunzio-Scotellaro la settimana ecologica, un momento espressivo per gli alunni che hanno illustrato un percorso di cartelloni, slogan, disegni e poesie dove inneggiavano al rispetto dell’ambiente.

I ragazzi hanno creato un percorso dove erano esposti i lavori svolti durante la settimana che con i docenti e esperti esterni hanno trattato. Cartelloni dove si leggevano i segni evidenti di una natura che sempre più viene stravolta, un ambiente violentato e un uomo che impotente guarda.
“Quello che accade alla terra accade ai figli della terra – ha commentato il V.Sovr. della Guardia Forestale, Buonopane Giuseppe comandante della stazione di Ottaviano – questa frase mi ha molto colpito perché esprime a pieno il concetto di rispetto verso l’ambiente in cui vivete, e vi ringrazio per l’impegno che avete mostrato e il lavoro svolto. Volevo soprattutto una promessa da voi che diffondiate questo messaggio, che facciate capire che se si brucia la terra si brucia il proprio territorio, la propria casa, e si reca danno solo a se stessi” . Insieme al Comandante Buonopane erano presenti l’Agente Giuseppe D’Avino, il Preside della Scuola il Prof. Domenico Napolitano, i rappresentanti dell’Ente Parco la Dott.ssa Roberta Vitiello e il Dott. Umberto Saetta che ha guidato i ragazzi durante gli incontri alla scoperta dell’ambiente.
“Queste attività dimostrano come il lavoro della scuola è importante dove le istituzioni mancano per leggi adeguate e sostegni importanti – ha spiegato il preside Napoletano – purtroppo tanti sono gli atti di sciacalaggio che siamo costretti a vedere nei confronti di un ambiente indifeso, ma grazie alla presenza del Corpo Forestale, Vigili del Fuoco, Ente Parco ed organi preposti riusciamo a riscattare e diffondere messaggi e testimonianze importanti”.
“La scuola è un punto fondamentale di forza – ha spiegato il Dott. Umberto Saetta – dove a stare a contatto con 80 alunni è difficile, ma poi vederli oggi esprimersi in questo modo ti gratifica e ti fa capire che ci sono eccellenti basi dove puntare, dove proporre un nuovo sistema di legalità e rispetto. I ragazzi di oggi devono imparare solo ad essere loro stessi per poi capire quello che loro sono”.
Della stessa linea guida è stata la dott.ssa Roberta Vitello, educatrice e consulente ambientale che ha precisato l’importanza di queste iniziative che vanno incrementate.
La manifestazione si è chiusa nel cortile della scuola dove un alunno ha piantato con il Comandante del Corpo Forestale una pianta di mimosa nei giardini come simbolo della rinascita di un nuovo senso di responsabilità e conoscenza.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.