Home > Politica > Castellammare, Ecco la nuova giunta del sindaco Bobbio

Castellammare, Ecco la nuova giunta del sindaco Bobbio

venerdì 7 maggio 2010, di Felicia Liguori


Castellammare di Stabia. È stata presentata, a Palazzo Farnese, la nuova giunta del sindaco Bobbio. Ad un mese dal trionfo elettorale il primo cittadino ha, infatti, comunicato i nomi degli otto assessori. La poltrona di vicesindaco è stata affidata all’avvocato Giuseppe Cannavale, anche assessore al Bilancio, Finanze, Affari legali e Contenzioso: dovrà guidare lui la giunta quando il sindaco sarà impegnato al dicastero della gioventù nel ruolo di capo gabinetto, accanto al ministro Giorgia Meloni. L’assessorato al Turismo, Cultura, Beni culturali, Scavi, Edilizia sportiva, Manutenzione urbana ordinaria, Cimitero, Impianti a rete, Aree decentrate, Dissesto idrogeologico è stato affidato all’architetto Antonio Coppola, quello al Personale, Igiene e sanità, Tributi, spetta, invece, all’avvocato Giovanni De Angelis. Per quanto riguarda le quote rosa l’architetto Enrica Luise si occuperà di Edilizia scolastica e Lavori Pubblici, la dottoressa Emanuela Romano di Servizi sociali, Ceti deboli, Diritti dei consumatori, Politiche del lavoro e la professoressa Loredana Strianese di Scuola, Pubblica istruzione, Pari opportunità, Gioventù, Associazionismo. La delega all’Edilizia, Urbanistica, Centro antico, Contratto di quartiere, Piano casa, Piano strategico, Più Europa spetta, invece, all’architetto Francesco Di Somma ed, infine, l’assessorato alla Sicurezza, Legalità, Controllo ispettivo degli atti, Polizia municipale, Protezione civile, Parcheggi spetta al dottor Luigi Mamone. Ora la nuova squadra dovrà mettersi a lavoro per affrontare la crisi lavorativa che ha investito da tempo molte aziende stabiesi.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.