Home > Politica > Pomigliano, Verso la nomina degli assessori: nomi sempre più (...)

Pomigliano, Verso la nomina degli assessori: nomi sempre più certi

venerdì 7 maggio 2010, di Isabella Esposito


Pomigliano d’Arco- Il mistero sui possibili nuovi assessori sarà risolto per sabato alla ore 10 presso la sala consiliare. Finalmente il sindaco lello Russo scioglie le riserve, anche se per ora sui nomi dei componenti della giunta non c’è ancora nulla di ufficiale. Diversi, però, sono i personaggi politici già individuati, soprattutto i fedelissimi del nuovo primo cittadino.

Vincenzo Caprioli dalla lista Pdl sarebbe l’unico nome appartenente alla lista più forte della coalizione, poi Roberto Iossa radiologo originario di Pomigliano, Alessandro Izzo avvocato pomiglianese, Pasquale Lauri.preside sarebbero i nomi più gettonati degli ultimi giorni. Tutte persone esterne alla tornata elettorale, nessuno di questi tranne Caprioli è stato candidato. Di certo nomi che per i politici di giunta sono da definire ufficiosi, ma il tutto forse è creato per lasciare suspense fino a sabato mattina. Si preannuncia una possibile presidenza del consiglio per Maurizio Caiazzo, esponente del direttivo Udc, oltre ad un ulteriore assessorato per la stessa lista su cui cala il mistero. Già si vocifera su un assessorato per ogni lista della maggioranza, che abbia ottenuto almeno un consigliere, in tutto sarebbero otto, mentre il "lotto" nome, continua fino a sabato. Il Partito Democratico battuto alle elezioni, lava i panni in famiglia, e fino a fine mese sarà occupata con le faccende congressuali per rieleggere il direttivo Pd, nonché stabilire una linea politica che consenta loro di fare opposizione e di fare squadra. Intanto la politica pomiglianese resta in bilico fino a sabato mattina.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.