Home > Politica > Pomigliano, è in dirittura d’arrivo la Giunta targata Russo

Pomigliano, è in dirittura d’arrivo la Giunta targata Russo

giovedì 13 maggio 2010


Pomigliano D’Arco. In attesa della proclamazione degli eletti comincia a prendere forma il progetto politico del centrodestra a Pomigliano D’Arco. Difatti continuano in modo alquanto spedito le trattative tra il neosindaco Lello Russo ed i partiti della sua maggioranza per la composizione della Giunta che lo supporterà nella guida della cittadina pomiglianese, presumibilmente, per i prossimi cinque anni. Ai nomi già noti se ne starebbero aggiungendo degli altri man mano che il primo cittadino effettua le consultazioni. Alla quadratura del cerchio mancherebbe dunque poco. Primo accordo chiuso, stando a voci di corridoio, sarebbe quello con Udc. Infatti oltra ad ottenere la presidenza del Consiglio comunale con Maurizio Caiazzo, il partito dello scudocrociato in Giunta, dovrebbe portare Leonilde Colombrino. A lei toccherebbe la delicata delega delle politiche sociali. La lista civica “Pomigliano al Centro” sembra anch’essa destinata ad ottenere un assessorato. Il nome concordato sembrerebbe quello di Salvatore Piccolo. Voci insistenti accrediterebbero un assessorato anche all’editore ed ex assessore al bilancio Pd Mimmo Romano. Per lui, espresso dalla lista Liberal Democratici, sarebbe un clamoroso ritorno in Giunta. Altro nome che sembra stia scaldando i motori in attesa di entrare nel governo cittadino è quello dell’imprenditore Gino Cozzolino del Popolo delle libertà. A questo punto sembra perdere quota Pasquale Sperlongano dato nei giorni scorsi come sicuro nella squadra di Russo. A questi nomi, a cui però mancano i crismi dell’ufficialità, si sommerebbero a quelli dell’avvocato Alessandro Izzo, che dovrebbe ottenere una delega inerente la riorganizzazione dell’intero apparato burocratico della macchina comunale e del medico Roberto Iossa. Oltre a loro, in pole, ci sarebbero anche Pasquale Lauri, preside tra i fondatori del movimento civico “1799” e Vincenzo Caprioli, già consigliere comunale eletto tra le fila del Pdl. Questi i papabili anche se, con ogni probabilità, potrebbe uscire nelle prossime qualche altro elemento che sovvertirebbe le indiscrezioni del momento. Intanto prosegue l’attività burocratica del Comune pomiglianese. Stamane, presso la sezione fallimentare del tribunale di Nola, saranno messi all’asta i beni della municipalizzata Pomigliano Ambiente. Stando ai rumors locali il Comune di Pomigliano avrebbe presentato un’offerta per far si che i beni della fallita società ritornino alla cittadina pomiglianese.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.