Home > Cultura > Jazz, Italian Doc Remix nel cartellone di Angeli Musicanti festival

Jazz, Italian Doc Remix nel cartellone di Angeli Musicanti festival

venerdì 14 maggio 2010


Italian Doc Remix nasce dallo scambio artistico tra due jazzisti di
eccezione come Marco Cappelli e Jim Pugliese.
Entrambi molto attivi da tempo nella scena jazz sia newyorkese(Cappelli è a N.Y. con gli AREA in questi giorni) che internazionale, i due musicisti dal 2004 lavorano su questo progetto, frutto di una mutua passione per la musica tradizionale dell’Italia meridionale.
IDR rappresenta una sintesi, un punto d’incontro tra sonorità apparentemente distanti tra loro ma che, proprio grazie al jazz riescono a fondersi e creare atmosfere sonore fin’ora inesplorate.
Un connubio musicale, ma anche tra culture, secondo le parole di Marco

Cappelli : "IDR è in cerca di un legame con le proprie origini e
tradizioni, in un mondo di migranti ed emigrazione dove le proprie
radici rischiano di perdersi nel grande melting pot o di essere
modificate perdendo il loro senso originario".
Il progetto può essere considerato figlio dell’emigrazione italiana di
seconda generazione, in un percorso musicale che parte dalle suggestioni della musica mediterranea per poi tornare ad essa attraverso la libera improvvisazione, aspetto comune sia nel jazz che nella musica rituale; sonorità downtown d’avanguardia che affondano le proprie radici nel profondo Sud tra suoni sghembi e fulminei cambi di ritmo.
Molto apprezzati nei club newyorkesi, IDR tornano in Italia dopo due anni e dopo aver pubblicato il primo omonimo album. Italian Doc Remix sarà in concerto in una serata d’eccezione per ANGELIMUSICANTIFESTIVAL che prosegue la sua programmazione il 24 maggio al Teatro di San Carlo con la Rassegna 2010 dedicata a CARMELO BENE.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.