Home > Cronaca > Nola e l’alta velocità: In arrivo 300 nuovi posti di lavoro

Nola e l’alta velocità: In arrivo 300 nuovi posti di lavoro

mercoledì 26 maggio 2010


Nola. “Investiremo 90 milioni di euro a Nola su un impianto di assoluta avanguardia tecnologica costruito da zero che ci consentirà grandissima innovazione”. E’ entusiasta il presidente di Ntv (Nuovo Trasporto Viaggiatori) Luca Cordero di Montezemolo nello sciorinare le cifre del progetto del primo vettore ferroviario italiano a capitale totalmente privato. Progetto che dovrebbe essere esecutivo già a settembre del 2011 e nel quale la cittadina bruniana ha un ruolo di tutto rispetto. Difatti proprio a Nola sorgerà un mega centro di manutenzione e ricovero dei treni ad alta velocità che sarà completato entro il maggio 2011 e che occuperà un area di 140mila metri quadri. Il tutto corredato da 300 assunzioni di giovani del territorio campano. Una vera e propria boccata d’ossigeno per l’occupazione regionale messa in ginocchio negli ultimi mesi soprattutto dalla crisi del settore industriale. Il complesso sorgerà all’interno del sistema Cis – Interporto – Vulcano Buono, precisamente nel “Lotto G”, nei pressi di piazza Sorrento del centro commerciale progettato da Renzo Piano. A realizzare l’opera saranno le napoletane Costruire spa e Pa.Co. Pacifico Costruzioni spa, riunitesi in “associazione temporanea di imprese”. L’impianto consisterà nella realizzazione di una serie di postazioni, edifici e capannoni pari a circa 42mila mq di superficie coperta con circa 55mila mq di area attrezzata con undici binari lunghi in totale dodici chilometri. L’area sarà completamente infrastrutturata con edifici di servizio e due grandi capannoni deposito attraversati dai binari realizzati in fossa. Ciò consentirà lo svolgimento delle attività di manutenzione sui 25 treni che la Ntv ha commissionato alla società vincitrice dell’appalto per la fornitura dei mezzi: la Alstrom di La Rochelle. “Oggi siamo qui per rendervi conto dei nostri passi avanti - ha detto l’ex presidente della Fiat - in un progetto che in tempi come questi rappresenta il segnale positivo di un’imprenditorialità italiana viva, che investe e che rischia”. Un rischio grosso vista la mole delle cifre messe in campo dalla società amministrata da Giuseppe Sciarrone: 600 milioni di euro per la realizzazione dei 25 treni che costituiranno la flotta di Ntv; oltre 900 dipendenti assunti da qui alla piena operatività. Numeri che sono il cardine di un progetto che vorrebbe fare del polveroso, vecchio trasporto su rotaia una vera e propria eccellenza del settore. “Possiamo annunciare fin d’ora – ha osservato Montezemolo- che i nostri treni saranno per tutti e per tutte le tasche, convinti come siamo che il trasporto su rotaie è uno strumento di viaggio importantissimo sia in Italia che in Europa”. Ed è sui treni che si sono stati concentrati gli sforzi. “Su ogni convoglio- hanno spiegato i vertici aziendali- sarà accessibile la connessione internet in modalità wireless mentre si viaggia a 300 km all’ora e ci sarà anche una carrozza in cui poter assistere a proiezione di film in prima visione, mentre in ogni vagone sarà possibile collegarsi a tutti i canali televisivi”. Così questa volta anche la Campania sembra aver preso il treno giusto per il futuro.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.