Home > Attualità > Minacciati i dipendenti della società comunale che gestisce la (...)

Minacciati i dipendenti della società comunale che gestisce la sosta

venerdì 19 ottobre 2007


ACERRA. Lo fa sapere in una nota l’amministrazione comunale. A breve, la giunta comunale regolamenterà la sosta per i medici di base in visita domiciliare urgente e per gli invalidi non deambulanti.

"Sono da poco trascorse le ore 19:30 di martedì 16 ottobre 2007- si legge nel documento inviato alla stampa- quando un ignoto si presenta negli uffici della società, in via Roma 70, per acquistare due abbonamenti per la sosta di altrettante autovetture nelle aree gestite da Misia. In seguito alle informazioni fornite dal dipendente dell’azienda il quale spiega che in base al regolamento non è possibile emettere più di una tessera per singolo nucleo familiare, la persona chiede di parlare con un responsabile, che viene contattato telefonicamente".
Secondo quanto riportato dalla querela presentata presso il locale commissariato di polizia, l’ignoto mentre parla con il responsabile si imbufalisce scagliando il telefono contro il muro e successivamente blocca il dipendente con una mano sul viso, minacciando di tornare e rompere tutto.
Ieri mattina, inoltre, alcuni ausiliari del traffico, anch’essi dipendenti della società, hanno subito minacce durante l’orario di lavoro da parte di ignoti, che saranno denunciati alle autorità giudiziarie.
I vertici di Misia e l’Amministrazione comunale condannano fermamente tali atti, gravi e inspiegabili, soprattutto alla luce del fatto che il nuovo sistema che disciplina la sosta a pagamento sul territorio, in funzione dalla scorsa settimana, sta incontrando il favore della maggioranza dei cittadini di Acerra, con evidenti benefici per la qualità dell’aria e per il traffico urbano.
A breve, la Giunta comunale, d’intesa con Misia, nelle more di valutare le ulteriori problematiche segnalate dai cittadini nella fase di ascolto del territorio, regolamenterà la sosta per i medici di base in visita domiciliare urgente e per gli invalidi non deambulanti. Infine, si sta valutando anche l’ipotesi, su proposta dell’assessore alla Mobilità Andrea Piatto, di prevedere “strisce rosa” riservate alle donne in gravidanza e alle neo-mamme.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.