Home > Attualità > Finanze, la Provincia estingue anticipatamente il debito

Finanze, la Provincia estingue anticipatamente il debito

venerdì 19 ottobre 2007


NAPOLI. L’operazione è stata possibile utilizzando l’avanzo di amministrazione del 2006. Un’operazione da 52,5 milioni di euro interamente coperti con risorse dell’avanzo 2006. In controtendenza rispetto alle altre amministrazioni locali, l’ente provinciale non ricorre all’indebitamento dal 1999.

Il debito che viene azzerato è rappresentato da mutui contratti nel decennio scorso con l’Inpdap e la Cassa Depositi e Prestiti e da Bop, al fine di fronteggiare le necessità di spesa relative ai due maggiori settori di competenza della Provincia, l’edilizia scolastica e la viabilità.
La decisione della giunta Di Palma, proposta dall’assessore alle Risorse strategiche Guglielmo Allodi, rappresenta una novità di grande rilievo poiché permetterà alla Provincia di Napoli di impiegare più della metà delle risorse disponibili dell’avanzo 2006 (in tutto circa 90 milioni di euro) che la Finanziaria 2007 impone di utilizzare solo per un terzo e unicamente per spese di investimento. L’estinzione del debito a lungo termine non incide, infatti, sui parametri di spesa da prendere in considerazione ai fini del patto di stabilità.
In questo modo la Provincia diventa uno dei pochissimi enti pubblici italiani completamente libero da debiti. Solitamente, infatti, i vecchi mutui vengono estinti rinegoziando nuove forme di credito con gli istituti bancari oppure procedendo a emissioni obbligazionarie. In questo caso, invece, la Provincia di Napoli cancella definitivamente ogni forma di indebitamento iscritta nei suoi bilanci.
"E’ un risultato senza precedenti. A 14 anni dalla dichiarazione di dissesto - ha affermato l’assessore Allodi - grazie ad una gestione prudenziale delle finanze dell’ente, oggi siamo in grado di azzerare con largo anticipo tutti i debiti della Provincia".
La giunta Di Palma e, prima ancora quella Lamberti, ha ricordato Allodi, hanno dato vita a un’azione di forte risanamento, che ha messo la Provincia nelle condizioni di non contrarre nuovi mutui dal 1999 e di garantire la copertura di tutta la spesa mediante risorse proprie".
Riguardo all’operazione presentata questa mattina, Allodi ha sottolineato che "l’azzeramento del debito ci permetterà di avere a disposizione, oltre a quelle che ogni anno compongono il nostro bilancio, ulteriori risorse che finora erano impiegate per gli interessi passivi. Stiamo parlando di un totale stimato di circa 20 milioni di euro nei prossimi sette anni".
Secondo l’assessore alle risorse strategiche "la decisione della giunta rafforza ulteriormente la posizione della Provincia in termini di autorevolezza sui mercati internazionali, oltre che nella filiera istituzionale. La scorsa settimana - ha detto Allodi - gli analisti di Moody’s sono stati presso il nostro ente per l’aggiornamento del rating e sono rimasti positivamente impressionati da questa decisione".
"Siamo il primo ente locale d’Italia che utilizza i soldi dell’avanzo di amministrazione che il patto di stabilità finora ci impediva di spendere per estinguere mutui e prestiti obbligazionari. E’ un’operazione innovativa - sostiene Allodi - che permetterà alla Provincia di investire nuovi fondi su infrastrutture, trasporto pubblico locale, adeguamento delle strutture scolastiche, in generale sull’enorme esigenza di investimenti che proviene dalla nostra area metropolitana".

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.