Home > Speciali > La musica che mi gira intorno > A San Vitaliano la presentazione del nuovo album di ’Capone & Bungt (...)

A San Vitaliano la presentazione del nuovo album di ’Capone & Bungt Bangt’

L’appuntamento è per giovedì, alle 20:30, presso il centro educativo ’Giuseppe Coletta’

lunedì 7 giugno 2010, di Ciro Castaldo


L’Associazione ’YaBasta!’, l’Associazione ’Laboriosi.it - Uno Spazio Aperto’ e ’Radiosaviano.com’ organizzano, per giovedì 10 giugno, la presentazione del nuovo album del gruppo ’Capone & Bungt Bangt’.

Durante la serata il gruppo sarà intervistato dagli organizzatori al fine di raccontarci il loro ultimo lavoro, il loro stile musicale e il loro impegno a difesa dell’ambiente e a sostegno delle Associazioni impegnate nel sociale. A tal proposito, grazie a un loro recente progetto e alla collaborazione per la canzone ’Project Revolution’, hanno devoluto l’incasso all’ONG ’Mani Tese’ da anni impegnata per combattere la fame e gli squilibri tra Nord e Sud del pianeta e per creare un nuovo modello economico basato sulla solidarietà.

Dopo l’intervista ’Capone & Bungt Bangt’ suoneranno alcuni pezzi dell’album che si chiama ’Bio-Logic’. Al termine, cena sociale con parte del ricavato devoluto a ’Mani Tese’ e ancora tanta musica con il gruppo rock ’Nappone and his magic friends’.

L’evento si terrà presso L’Ospedale delle Piante di San Vitaliano, nel centro socio educativo ’Giuseppe Coletta’, progetto realizzato dall’Associazione YaBasta! ONLUS e dal Comune di San Vitaliano per risvegliare la coscienza "verde" degli abitanti del nostro territorio e per ristabilire un rapporto positivo tra i territori urbani e la natura.

L’Ospedale delle Piante è aperto al pubblico ogni domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 20:00 alle 22:00, il lunedì e il martedì dalle 19:00 alle 22:00.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.