Home > Politica > San Giuseppe Vesuviano. Primo consiglio comunale dopo lo scioglimento: il (...)

San Giuseppe Vesuviano. Primo consiglio comunale dopo lo scioglimento: il ritorno di "Tonino"

giovedì 10 giugno 2010, di Giovanna Salvati


San Giuseppe Vesuviano. Sono entrati in aula con marcia trionfante, con quella sicurezza e la soddisfazione di chiunque venga prima infamato e poi riscattato da una giustizia morale, etica, legislativa e divina che ha riportato cosi l’intero consiglio comunale tra quei banchi dove cinque mesi fa penzolava il cartello “chiuso per scioglimento a causa di presunte infiltrazioni camorristiche”. E ieri sera luce fu. Come il giorno del giudizio universale il sindaco Antonio Agostino Ambrosio ha sfoderato il suo miglior sorriso e carico, come non mai, è entrato nella sua aula consiliare di quel palazzo che per lui rappresenta la sua seconda casa. Primi minuti di imbarazzo per quanti increduli lo fissavano e con sorrisetti smorzati, tra minoranza e pubblico, che non credevano allo spettacolo, targato rinascita. La seduta prende il via con la surroga del consigliere comunale del Pdl, Luigi Bobbio, ora sindaco di Castellammare che data la sua oggettiva incompatibilità, cede la sua poltrona a Tommaso Andreoli che però a sua volta rinuncia lasciando spazio al consigliere Luigi Miranda. Si passa al riassetto organizzativo della giunta che viene riconfermata con tutti i suoi membri, ma con qualche piccolo cambiamento: viene riconfermato Francesco Santorelli come vicesindaco, il quale si occuperà però anche del settore della raccolta differenziata. Riconferma anche per Massimo Boccia, Assessore alla Pubblica Istruzione e all’Edilizia Scolastica. Per Gianni Giugliano invece nuovo mandato quale quello dell’Assistenza e delle Politiche Sociali, Antonio Ambrosio si occuperà invece dei Lavori Pubblici e dell’Urbanistica, Nicola Menzione battezzato Assessore al Bilancio. Toccherà invece a Giuseppe Sepe il compito di gestire Giardini e Verde Pubblico attrezzato ed infine per Salvatore Cozzolino la delega di Assessore allo Sport e allo Spettacolo. Novità anche per i consiglieri. In primis, come anticipato dal Metropolis, la costituzione di un nuovo gruppo politico, una nuova realtà partitica con l’istituzione del gruppo politico “Noi Sud” nel quale sono confluiti i consiglieri Alberto Randaccio, Nunzio Zurino ed Enrico Miranda, tutti ex membri dell’Italia di Mezzo. Una decisione improvvisa che non ha per nulla scosso lo stesso sindaco Ambrosio che ha cosi commentato “la scelta dei tre consiglieri non ha influito e non lo farà in futuro sull’impegno di compattezza e di lavoro di squadra che esiste ormai da sempre. Viceversa continueremo insieme a lavorare per il bene e la rinascita della cittadina”. Ha invece abbandonato le file della maggioranza, tra non poche polemiche, il consigliere Vincenzo Ugliano, che dal gruppo Mpa è passato al Pdl. Decisione poco gradita in particolar modo dal vicesindaco Santorelli che durante la pubblica assise lo ha accusato di poca coerenza invitando lo stesso consigliere a dimettersi “faresti più bella figura” questo il commento. Alla base della scelta di Ugliano la mancanza di attivismo di una giunta paralizzata. Per il consigliere Armando Salerno invece promozione tra le fila dell’Udc come capogruppo. La parola è passata poi al primo cittadino Antonio Agostino Ambrosio che ha preannunciato che nei prossimi mesi tanta sarà la mole di lavoro sulla quale concentrarsi e ancor di più dita puntate verso chi continuerà a diffamare l’impegno dell’intero gruppo.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.