Home > Politica > San Giuseppe Vesuviano. L’appello del capogruppo del Pd "ora si fa sul (...)

San Giuseppe Vesuviano. L’appello del capogruppo del Pd "ora si fa sul serio"

domenica 13 giugno 2010, di Giovanna Salvati


San Giuseppe Vesuviano. Non si arrende il Partito Democratico sangiuseppese e nonostante il verdetto del Tar che scaccia via ogni dubbio e ridona trasparenza e giustizia con il reintegro del consiglio comunale e dello steso primo cittadino Antonio Agostino Ambrosio decide di far sentire la sua voce. E cosi il capogruppo del Pd, nella veste di Dora Franzese non esita e con toni decidi incalza “La sentenza del Tar Campania ha annullato il decreto con cui era stato sciolto il consiglio comunale di San Giuseppe Vesuviano,per presunti condizionamenti dell’attività amministrativa ad opera dei clan camorristici- spiega Franzese - Secondo quanto affermato con un manifesto affisso sulle mura della nostra cittadina e quanto dichiarato a mezzo stampa, l’amministrazione ambrosio con questa sentenza ha riavuto il suo onore ed è libera dall’oltraggio delle accuse prefettizie”.Poi va al dunque e sottolinea la linea di partito che va ben oltre “ Il giudizio del Partito Democratico, invece, non è minimamente scalfito, dalle recenti notizie giudiziarie in quanto il fallimento dell’Amministrazione Ambrosio, e della classe dirigente di questo paese era ed è sotto gli occhi di tutti – commenta l’esponente del Pd - ne eravamo convinti prima della gestione commissariale e ne siamo ancora più convinti adesso. Cosi come eravamo e siamo convinti del fatto che non debba essere un procedimento giudiziario o amministrativo a liberare il nostro paese da questa pandemia , ma è sul territorio che bisogna costruire l’alternativa. Fra la gente e con la gente, con quella gente, con quella parte sana del tessuto sociale che purtroppo oggi , anche se non ci fa piacere ammetterlo, resta per ora minoritaria a San Giuseppe Vesuviano”. Ci tiene poi a sottolineare il suo disappunto con la decisione del Tar e aggiunge “La sentenza del Tar, che pur condividendo, rispettiamo, ci fa comprendere ancora di più, che è urgente un cambiamento radicale, che è necessaria una proposta di rinnovamento che oggi deve divenire progetto politico, intorno a cui devono ritrovarsi tutte le forze che si sono opposte e si oppongono a questa gestione scellerata”. La consigliera del Pd poi cerca di vedere al futuro e pur continuando a mantenere fermo il ruolo di opposizione ribadisce “continueremo ad essere opposizione, quella opposizione, responsabile e costruttiva, scevra da compromessi ci poniamo noi per primi, come interlocutori di quei cittadini e di quelle forse culturali e politiche che sono orientate al cambiamento e non condividono vecchi schemi e personalismi, e vogliono costruire, una proposta che sia capace di tramutarsi in un serio progetto per un paese nuovo”. Insomma riparte a pieno ritmo lo scenario politico. Ambrosio e la sua maggioranza da un lato e i singoli componenti dell’opposizione che non mancano occasione di calcare la mano contro il sindaco Ambrosio che dal canto suo risponde “siamo qua e continueremo il nostro operato, ora basta con le polemiche e il passato e alle spalle, chi ha sbagliato pagherà, noi guardiamo oltre, abbiamo tanto e di meglio da fare”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.