Home > Cronaca > Picchiato e rapinato dal branco, tre minorenni arrestati a Somma

Picchiato e rapinato dal branco, tre minorenni arrestati a Somma

giovedì 1 luglio 2010, di Gabriella Bellini


DA METROPOLIS DEL 1 LUGLIO

Somma Vesuviana. Forti del branco hanno preso di mira un ragazzo poco più grande di loro ed hanno cominciato a picchiarlo con calci e pugni. Protagonisti di questo assurdo episodio di violenza tre minorenni, di 15, 16 e 17 anni a bloccarli i carabinieri della Stazione di Somma Vesuviana che sono riusciti ad intervenire tempestivamente, a fermare l’aggressione ed arrestare i tre in flagranza per concorso in rapina. Già perché i tre piccoli malviventi non si sono accontentati di picchiare la loro vittima, un 24enne di Terzigno, ma gli hanno sottratto anche la valigia che aveva con se e dentro vi erano tutti i suoi effetti personali e l’abbigliamento. Erano da poco passate le 23 di martedì quando il branco, i tre minorenni ma con loro vi erano almeno altri 5 giovani ancora non identificati, hanno preso di mira il 24enne. Si trovavano tutti sul treno della Circumvesuviana che arrivava da Napoli, giunti nella stazione di Somma Vesuviana il 24enne ha pensato bene di scendere dal treno per provare a chiedere aiuto e sottrarsi così ai soprusi del gruppo. A quel punto, però, è cominciata l’aggressione vera e propria e qualcuno ha, per fortuna, pensato di allertare le forze dell’ordine. Una chiamata anonima al 112 avvertiva che era in corso una rapina alla stazione di Somma. Visto l’orario le strade erano libere e la pattuglia dei militari (agli ordini del comandante di stazione, il maresciallo Raimondo Semprevivo), è riuscita ad arrivare tempestivamente sul luogo dell’aggressione. Alla vista degli uomini dell’Arma i tre minorenni hanno cercato di fuggire, ma non è servito a nulla, sono stati prontamente bloccati. Il bottino della rapina e’ stato recuperato e restituito al proprietario, mentre gli arrestati sono stati accompagnati nel centro di accoglienza di Napoli, ai Colli Aminei. I tre minorenni non sono nuovi a gesti di questo genere, erano già noti alle forze dell’ordine per danneggiamenti, e anche le famiglie da cui provengono sono considerate dagli inquirenti “difficili e disagiate”. Un disagio che ha portato nel tempo ad una escalation criminale conclusasi con tre ragazzini in manette.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.