Home > Attualità > Comunicati Stampa > San Giuseppe Vesuviano.Le arriva la bolletta del gas ma non conosce il (...)

San Giuseppe Vesuviano.Le arriva la bolletta del gas ma non conosce il mittente

lunedì 5 luglio 2010, di Comunicato Stampa


San Giuseppe Vesuviano. Le arriva il gas, ma non sa da chi. Lo strano caso di un cittadino che non riesce a sapere chi è il suo fornitore. Codici Campania chiede l’intervento dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas“(…)Ad oggi il cliente risulta essere legittimamente di Enel Energia”. Firmato : Coop Gas. “Ci preme informarvi che da verifiche effettuate non risulta alcun contratto sottoscritto per la fornitura di gas con la nostra società di vendita”. Firmato: Enel Energia. Sono due estratti da altrettante comunicazioni inviate, su richiesta dell’associazione Codici – Centro per i Diritti del Cittadino, a R.M., una cittadina di San Giuseppe Vesuviano che non riesce a scoprire da dove le arriva la fornitura di gas e quindi di chi è cliente. Coop Gas sostiene che la donna è cliente di Enel Energia, ma a quest’ultima società non risulta alcun contratto sottoscritto, pur avendo inviato alla cittadina una richiesta di pagamento. Risultato: a R.M. viene fornito il gas, ma lei non sa a chi deve pagarlo. R.M., infatti, ha sottoscritto un contratto con Coop Gas il 29 settembre del 2008 e da allora non ha mai espresso la volontà di cambiare fornitore. Ciò nonostante riceve richieste di pagamento da Enel Energia. L’associazione Codici Campania ha scritto ai due fornitori, chiedendo loro di chiarire la situazione. Entrambi hanno risposto, ma entrambi hanno contribuito ad alimentare la confusione. Coop Gas sostiene di aver ricevuto da Enel Energia la comunicazione che R.M. è diventata sua cliente dal 1 luglio del 2009, ma Enel Energia ribadisce che l’utente non ha stipulato alcun contratto e quindi resta cliente di Coop Gas.“Un paradosso incredibile e, purtroppo, non raro. Accade troppo spesso che i cittadini vengano coinvolti in diatribe tra società fornitrici e, alla fine, paghino il prezzo più alto: la sospensione dell’erogazione del servizio oppure l’arrivo di bollette esose”, spiega il segretario regionale di Codici Giuseppe Ambrosio. Il Centro per i Diritti del Cittadino ha segnalato il caso all’Autorità per l’energia elettrica e il gas ma ha anche intimato alle due società di risolvere la questione in tempi rapidi: “La nostra associata vuole pagare e vuole pagare il giusto, oltre che ricevere un servizio efficiente. È un suo diritto e le due società devono impegnarsi a garantirglielo”, conclude Giuseppe Ambrosio.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.