Home > Politica > "Incapaci ed incompetenti". L’Udc attacca Allocca sulla perdita dei fondi (...)

"Incapaci ed incompetenti". L’Udc attacca Allocca sulla perdita dei fondi regionali del Castello D’Alagno

mercoledì 7 luglio 2010


Somma Vesuviana. “Incapaci ed incompetenti”. Affonda il coltello caldo nel burro il gruppo consiliare dell’Udc che attacca con veemenza l’amministrazione di centrodestra del sindaco Raffaele Allocca. A finire nel mirino del partito centrista sia il primo cittadino Allocca che i suoi assessori rei, secondo il manifesto dell’Unione di centro, di aver “incredibilmente perso i fondi regionali necessari per completare il recupero del Castello d’Alagno. La nostra città” recita il documento che campeggia per le bacheche delle strade sommesi, “già in ginocchio per la crisi idrica, è così costretta a vivere l’ennesima pagina di “malamministrazione”, vedendo sfumare un’ulteriore possibilità di sviluppo economico e sociale”. La notizia della perdita dei fondi per 1 milione di euro, che sarebbero serviti per completare gli arredi interni della struttura, già in forte ritardo con i tempi della consegna all’Ente comunale, era venuta fuori proprio dalle pagine di questo giornale. Particolari sulla vicenda non emersero, ma si seppe che, a far perdere il treno dei fondi regionali, fu la presentazione di una determina comunale al posto di una delibera di Giunta al parco progetti della regione. Un errore marchiano dell’ufficio tecnico sommese, costato appunto un milione di euro. A replicare all’atto di accusa della minoranza ci ha pensato Giuseppe Sommese, consigliere di maggioranza del Pdl, alla sua prima esperienza a Palazzo Torino. “L’opposizione fa il suo lavoro” ha dichiarato il giovane consigliere, “ma c’è da dire che è strano il suo atteggiamento visto che lo stesso partito di centro ha presentato un’interrogazione in consiglio. Ora” ha precisato Sommese “prima di esprimermi aspetto la relazione e la risposta nell’assise anche se posso annunciare fin d’ora” ha proseguito il consigliere “ che non mi risulta né l’errore né tantomeno la perdita dei fondi regionali”. Questo attacco alla maggioranza giunge proprio nel momento peggiore del governo Allocca, lacerato, secondo i più da divisioni interne. “E’ pura dialettica e democrazia interna ad un partito eterogeneo” ha ammesso Sommese, smussando i toni accesi degli ultimi giorni che, secondo fonti ben informate, vedrebbero il sindaco Allocca letteralmente accerchiato dai suoi consiglieri che starebbero spingendo per un totale riequilibrio delle forze all’interno del suo governo.
Accerchiamento che si sarebbe arrestato ieri visto che, nell’ennesima riunione del Pdl, sarebbe emersa la volontà di rimandare il discorso della sostituzione di Vittorio De Filippo come capogruppo in consiglio comunale a settembre.

Messaggi

  • Egregio direttore,
    mi chiamo Antonio e sono un giovane di 23 anni. Lavoro con un contratto a tempo determinato presso una nota azienda di Somma Vesuviana. Leggo spesso il vostro giornale che mi sembra quello meno schierato politicamente in circolazione. Le scrivo per invitarla ad una riflessione sulla questione dei fondi del Castello. Secondo il dott. Di Matteo i fondi sono stati persi da questa amministrazione per un "errore marchiano" dell’ufficio tecnico. Io sul mio posto di lavoro, se sbaglio pago (una volta hanno minacciato di non rinnovarmi il contratto per "un errore marchiano" su una fattura). Perchè negli enti pubblici ciò non accade? Perchè non viene cacciato un dirigente o un responsabile che ha fatto perdere alla collettività l’opportunità di finire il Castello D’Alagno (pensate alle opportunità per Somma Vesuviana ad ospitare questa struttura sul territorio) Sono un elettore del Pd. Ad ogni campagna elettorale si parla di trasparenza e palazzo di vetro. Perchè non ci dicono chi e come ha sbagliato a presentare una determina per una delibera? Perchè tutto questo segreto intorno a questa vicenda?
    Vorrei avere delle risposte, magari da lei, persona seria e perbene che guida un sito davvero serio.
    Spero che pubblicherete questo mio sfogo.
    Cordiali saluti Antonio

    • Sono completamente d’accordo con Antonio, ritengo anch’io questo sito libero da ogni condizionamento esterno, la neutralità resta un obiettivo arduo ma il tentativo di equidistanza rispetto alle convinzioni personali del giornalista sono apprezzabili.
      Riguardo all’argomento della perdita dei Fondi, ricordo che alla responsabilità tecnica si aggiunge quella non meno importante che è la responsabilità politica. Quanto è successo è grave e la maggioranza dovrebbe prenderne atto ed aprire una crisi politica. Il punto è che in questa maggioranza e perdonatemi in questa opposizione non c’è niente di politica.

  • non serve la dettatura, basta saper andare a cercare gli atti che, fino a prova contraria, sono pubblici. Nell’elenco dei 130 comuni esclusi, si trova anche somma e , soprattutto, si trova la motivazione all’esclusione. Vizio di forma. In pratica invece della delibera è stata allegata una determina, errore che, come potrai notare, hanno commesso tanti altri comuni. Ovviamente questo non li giustifica, anzi! Intanto, è innegabile che il Castello è ormai prossimo ad essere completato. Quello che non potrà essere realizzato è il museo, che doveva essere finanziato propio con i fondi di questo bando, da cui somma è stata esclusa. Spero di essere stata chiara. La polemica politica è legittima ed è stata menzionata. Per tutto il resto, è il lettore che deve giudicare e commentare.
    ciaoooo
    CERCA SUL SITO DELLA REGIONE CAMPANIA QUESTO DOCUMENTO:

    AGC8-DD10_DECRETI_DIRIGENZIALI_AGC_08

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.