Home > Attualità > Comunicati Stampa > Marigliano: al Quilombo la proiezione del film "L’Argent" di Robert (...)

Marigliano: al Quilombo la proiezione del film "L’Argent" di Robert Bresson

venerdì 16 luglio 2010, di Comunicato Stampa


La Rassegna di Cinema all’Aperto promossa dal Collettivo Utopia: "La Parola e lo Sguardo” è alla seconda serata.

Il prossimo film, "L’Argent" di Robert Bresson, sarà venerdì 16 luglio alle ore 21.00, presso il Quilombo, in Via Risorgimento - Marigliano.

L’ARGENT

Anno 1982

Durata 85

Origine FRANCIA, SVIZZERA

Colore

Genere DRAMMATICO

Soggetto Robert Bresson Lev Tolstoj

Sceneggiatura Robert Bresson

Musiche Johan Sebastian Bach

Liberamente ispirato al racconto di Tolstoj “Denaro Falso”

Il film: Due studenti pagano l’acquisto di una modesta cornice (per loro assolutamente inutile) con un biglietto falso da 500 franchi. La proprietaria del negozio esita, ma alla fine accetta la banconota che il marito, riconosciutala come falsa, unisce ad altre, con le quali fa pagare dal commesso Lucien alcune fatture consegnategli da Yvon, un bravo ed onesto lavoratore. Mentre la madre di uno dei ragazzi, una ricca borghese, si reca al negozio e tacita la padrona con del denaro, Yvon è colto dalla polizia nell’atto di pagare un cognac con il fatale biglietto. Protestando la propria innocenza e condotto nel negozio, egli si trova inopinatamente davanti ai dinieghi ed alla omertà dei proprietari e del commesso Lucien. In tribunale, Yvon sarà condannato, anche per la ferma testimonianza di Lucien, a tre anni di prigione; là verrà a sapere della morte della propria bambina e dell’abbandono della moglie. Egli tenta allora il suicidio, mentre gli cresce in cuore un freddo odio per Lucien che lo ha ingiustamente accusato (e che intanto, da parte sua, ha scassinato la cassaforte del suo datore di lavoro). Uscito di prigione ed ormai solo, Yvon uccide per una manciata di franchi una coppia che gestisce un modesto alberghetto parigino. Poi segue passo passo il rientro a casa di una donna anziana, appena uscita da un ufficio postale dove ha ritirato la pensione, che dà da vivere a lei, al padre e a due altre persone di famiglia, una delle quali paralizzata. La donna lo accoglie in casa: essa apprende che Yvon è un assassino, ma si cura di lui, dandogli da mangiare e da dormire. Una notte, come colto da un "raptus", il giovane fa un massacro di tutti i suoi ospiti, eliminandoli nel sonno a colpi di accetta. Poi, proclamandosi colpevole, si consegna alla Polizia.

PREMI: vincitore a Cannes del Gran Prix du cinema de creation

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.