Home > Musica > Ottaviano. Applausi per i ragazzi dell’"Arte di Comunicare"

Ottaviano. Applausi per i ragazzi dell’"Arte di Comunicare"

venerdì 23 luglio 2010, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Hanno lavorato per circa sei mesi, ognuno nel proprio settore, ognuno con il proprio impegno, ma tutti insieme con la passione per il teatro, quello classico, quello che ha fatto la storia della teatralità internazionale, quella che è nato nella cittadina partenopea ma che ha fatto il giro del mondo. E cosi ieri sera al Teatro Costanzo Mattiello di Pompei gli applausi e il divertimento del pubblico ha premiato anche loro, i giovani di ben tre realtà territoriali diverse che hanno dato vita ad un esilarante spettacolo “Miseria e Nobiltà”. A fare da madrina colei che ha messo in campo l’iniziativa, una donna che da anni, rappresenta il sodalizio della copertina giovane della cittadina ottavianese, l’Assessore alle Politiche Giovanili la prof. Maria Rosaria Caiazzo. Nei suoi occhi la commozione, nelle sue parole la grinta e la soddisfazione di essere riuscita nella realizzazione di un piccolo grande sogno. Al suo fianco i sindaci delle tre cittadine che hanno partecipato all’iniziativa che rientra nel progetto “Arte di Comunicare”, il sindaco di Ottaviano, comune capofila dell’iniziativa Mario Iervolino, il sindaco di San Gennaro Vesuviano Aniello Giugliano e il sindaco di Striano Antonio Del Giudice, che si sono complimentati per la lodevole manifestazione. Ma quando il sipario si è aperto e la musica, le voci, i costumi e gli attori hanno iniziato a plasmare la storia di “Miseria e Nobiltà” rivisitata dalla Regia di Gianni Sallustro e Gianluca Cangiano, la magia sembrava riportare i presenti in epoche passate e suggestive, fatte di incontri, scontri, intrighi, tutto accompagnato da comicità e fantasia. Ad accompagnare i ragazzi dei tre paesi, una squadra di professionisti: le coerografie curate dalla ballerina Tiziana Nunziata, l’ottimizzazione di Rosario Vitiello, per il canto il maestro Pasquale Mosca. Ma i veri protagonisti sono stati invece i ragazzi che hanno invece lavorato alle scenografie, curate nei minimi particolari dai ragazzi del Laboratorio di Striano,e per i costumi invece la creazione è stata a cura degli studenti dell’Istituto d’Arte Caravaggio di San Gennaro Vesuviano. Insomma un evento unico che sottolinea la volontà di amministratori in prima linea come l’Assessore Caiazzo, e il lavoro di squadra di giovani in rete per passione che hanno testimoniato che quando si vuole tutto si può.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.