Home > Cultura > Somma Vesuviana, presentata "La Festa delle Lucerne"

Somma Vesuviana, presentata "La Festa delle Lucerne"

sabato 31 luglio 2010


Somma Vesuviana. “Un momento magico le cui origini sono da secoli avvolte nel mistero”. E’ con queste parole che il sindaco di Somma Vesuviana ha dato il via alla presentazione dell’edizione della Feste delle Lucerne, atteso per 5, il 6 ed il 7 agosto tra le mura aragonesi dell’ Antico Borgo Casamale. L’incontro di ieri, tenutosi presso la sala Giunta di palazzo Torino, è stato l’occasione per rimarcare l’importanza che riveste un evento, quello della Festa delle Lucerne, che riesce, ogni quattro anni, a richiamare sul territorio sommese decine di migliaia di visitatori da ogni parte d’Europa. “La Festa della lucerne, può, deve e sono sicuro che sarà un momento importante per una risonanza non solo di livello regionale ma sicuramente nazionale” ha dichiarato il primo cittadino. “La nostra cittadina racchiude un piccolo simulacro di beni storici ed architettonici che raccontano la storia di questa terra. Basti pensare al Castello D’Alagno, alla Villa Augustea e a numerosi altri beni artistici e culturali che sono il nostro biglietto da visita nel mondo. Abbiamo- ha proseguito Allocca- un calendario fitto di appuntamenti annuali che tendono a rimarcare le tradizioni di questa terra e soprattutto l’appartenenza di chi tiene a vivere questi momenti. Ieri sono stato in uno dei vicoli del borgo e ho partecipato personalmente alla realizzazione di una delle bandiere che decoreranno il borgo e vi garantisco che l’atmosfera che si respira è quella di una comunità in festa, in gioia che sottolinea quell’entità genetica che solo vivendola può rendere effettivamente nel suo valore”. Il sindaco ha poi confermato di aver esteso l’invito per l’accensione della prima lucerna la sera del 5 anche al presidente della regione Stefano Caldoro ed al presidente della provincia di Napoli Luigi Cesaro (“A giorni sapremo la loro disponibilità” ha raccontato Allocca). Il primo cittadino si è poi soffermato sull’atmosfera elettrizzante e coinvolgente che si vive tra le strette viuzze del borgo in queste giornate di preparazione. “Cogliere nei volti di questi cittadini la territorialità a quei vicoli, a quelle luci che adorneranno le stradine e l’atmosfera viva, surreale e suggestiva, è una vera magia, da vivere, perché il futuro è nei giovani e in coloro riusciranno a trasmetterla auspicando nella conservazione. E poi permettetemi una considerazione personale: Il Casamale è e sarà la capitale di Somma Vesuviana”. A spiegare nel dettaglio la kermesse, dall’eloquente titolo “Non spegniamo le Lucerne”, il presidente dell’associazione “Festa delle Lucerne” Nicola D’Avino. “Per la prima volta quest’anno si è pensato di creare un gruppo che potesse istituzionalizzare questo appuntamento che decorre ogni quattro anni”, ha dichiarato, “non solo in questi giorni di ricorrenza effettiva ma per tutto l’anno con una serie di iniziative, momenti di cultura, storia, arte, tesi a rivalutare e riscoprire un borgo che nasconde una vera e propria tradizione suggestiva. Per noi quindi la Festa delle Lucerne rappresenterà il punto di partenza per la rinascita ed il rilancio dei luoghi nei quali viviamo. L’associazione” ha concluso D’Avino “è composta da abitanti del borgo e di ogni vicolo a cui vanno i ringraziamenti perché senza di loro la festa non si realizzerebbe”.

Messaggi

  • la gente aveva fame d’informazione,di storia di aneddoti ed invece gli avete offerto solo il magna magna.Come nel classico costume italiota con persone altamente incompetenti nei posti di comando.Dove erano le manifestazioni culturali,musica dibattiti con storici a confronto.Un Casamale che è la brutta copia del mio ricordo da bambino,dove regna l’anarchia architettonica,dove chiunque è stato libero di ristrutturare casa come meglio credeva.
    Un sommese vero

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.