Home > Cronaca > Tragedia sulla SS 268. Ecco il ritratto di Vince e Salvatore, i due ragazzi (...)

Tragedia sulla SS 268. Ecco il ritratto di Vince e Salvatore, i due ragazzi morti in sella alla loro moto

venerdì 13 agosto 2010, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Due amici per la pelle, insieme condividevano i sogni e la passione per la moto, e insieme ieri hanno incontrato anche persino la morte. Vincenzo Iasevoli e Salvatore Guarino, 22 e 21 anni, erano insieme su quella moto che è stata travolta da quintali di pomodori, a condurla era Salvatore. L’aveva comprata l’anno prima, un regalo che ormai da tempo sperava e che gelosamente custodiva. Con Vincenzo, conosciuto trai banchi di scuola dell’ Itis E. Barsanti di Pomigliano d’Arco, era subito nata una straordinaria sintonia e cosi insieme avevano condiviso più di una esperienza di vita e di lavoro. Entrambi dopo la scuola superiore avevano deciso di darsi al mondo del lavoro e cosi, rimboccandosi le maniche, hanno iniziato a cercare. Il primo a trovare un impiego era stato proprio Salvatore, con la passione smisurata per il settore dell’idraulica già da qualche anno lavorava,invece per Vincenzo lavori saltuari ma senza mai perdersi d’animo. Vincenzo, secondo di tre figli, Salvatore invece ultimo di cinque, erano i cosidetti “ragazzi perbene”. Semplice, appassionato cullatore di gigli, figlio di operaio di un cementificio e di madre casalinga, appassionato di musica e moto, questo era Salvatore, dolce, schivo ma vivace, altruista e sognatore invece era Vincenzo, due personalità che si completavano, caratteristiche cosi diverse ma che rendevano la loro amicizia indissolubile. E a testimoniare la semplicità dei due i tanti messaggi arrivati sulle bacheche del social network Facebook, dove, dopo la diffusione della notizia sulla loro morte, tanti amici hanno voluto lasciare un commento “Nel paradiso degli angeli ci sarà posto anche per te. Incolmabile sarà la tua assenza, indelebile il tuo ricordo. Ciao Vincenzo, ci mancherai.” E ancora “"La vità è cosi vera che sembra impossibile doverla lasciare, la vita è cosi grande che quando sarai sul punto di morire pianterai un ulivo convinto ancora di vederlo fiorire" “Ciao Amico Mio, il più spassoso compagno di banco che avessi mai avuto, ti voglio bene”.

Messaggi

  • A volte ci si domanda perchè molti giovani perdono la vita percorrendo strade di notte pensando di essere più al sicuro dal traffico caotico del giorno,ma quanti si domandano perchè tanti tir e autotreni percorrono le stesse strade al tardi sapendo di non essere soli ma spingendo sempre di più il pedale dell’accelleratore per arrivare presto.La colpa purtroppo rimbalzerà a destra e a sinistra cercando di trovare la soluzione al danno ma quei due giovani non potranno difendersi perchè non sono più con noi.I padroni ed i padroncini dovrebbero cambiare le cose ma sarà mai possibile?.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.