Home > Cronaca > Ottaviano. In manette l’ex affiliato della Nco Luigi Menzione

Ottaviano. In manette l’ex affiliato della Nco Luigi Menzione

venerdì 20 agosto 2010, di Giovanna Salvati


OTTAVIANO: Una penna pistola, leggera, piccola, di manifattura artigianale, ma capace di uccidere e farlo nel modo meno sospettabile possibile ma efficace al punto giusto. Questa l’arma ritrovata ieri mattina dai poliziotti del commissariato di San Giuseppe Vesuviano, che hanno cosi tratto in arresto Luigi Menzione, 50enne di Ottaviano per i reati di detenzione di arma da sparo artigianale clandestina, detenzione illegale di munizionamento e detenzione di sostanza stupefacente. L’uomo si trovava all’interno della sua abitazione nel centro cittadino, in via Cesare Augusto quando gli uomini del Commissariato (coordinati dalla dottoressa MariaRosaria Napolitano) hanno fatto irruzione. Un’attenta e meticolosa indagine investigativa, partita qualche mese fa aveva concentrato sospetti intorno alla figura di Menzione, conosciuto già da tempo per la sua vicinanza alla Nuova Camorra Organizzata. Uomo di spicco e d’onore Menzione era risultato alla cronaca per numerosi reati, il suo curriculum infatti lo ha visto in passato collezionare i reati più svariati possibili dal furto alla rapina, estorsione e ricettazione, non si era, insomma, mai fatto mancare nulla. Da tempo sembrava rintanato nella solitudine del borgo cittadino, e proprio questo avrebbe attirato il sospetto degli agenti che con fare attento e meticoloso hanno iniziato a tenerlo sotto controllo. Atteggiamenti strani, potenzialmente rei e pertanto da non perdere di vista, e cosi ieri mattina il blitz. Alle ore 6,30 a dare il buongiorno a Menzione sono gli uomini del commissariato che si introducono all’interno della sua abitazione. L’uomo li accoglie con tono tranquillo, sicuro di se tanto da controbattere più volte ai poliziotti che nulla avrebbero trovato. Ma gli agenti sanno bene che qualcosa li c’è: lo hanno studiato per giorni, lo hanno pedinato, mai mollato e il tutto si trasforma cosi in un duello doppio. Gli agenti rovistano, Menzione con fare disinvolto depista. I poliziotti non hanno assolutamente intenzione di fermarsi e cosi il controllo viene esteso anche all’autovettura di proprietà dell’uomo L’auto è parcheggiata sotto casa, è una Fiat Punto di colore verde. Dopo qualche minuto di ricerca all’interno dell’abitacolo, sotto il rivestimento del fondo dell’auto lato passeggero anteriore, ecco il bottino. Un’arma da sparo artigianale e rudimentale, una penna di poco più di 150 grammi, 10 proiettili calibro 7.65, il tutto all’interno di un sacchetto di cellophan, ed un’altra bustina con all’interno 3,25g. di cocaina. Menzione evita commenti e scattano le manette. Un arresto eccellente per la Polizia di stato che ancora una volta continua l’attività di controllo del territorio locale, non tralasciando nulla, persino vecchi volti della camorra locale che come il lupo “perdono il pelo ma non il vizio”. L’uomo è stato arrestato e condotto al carcere di Poggioreale.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.