Home > Cronaca > Rissa agli chalet di Castellammare, cinque arrestati

Rissa agli chalet di Castellammare, cinque arrestati

sabato 21 agosto 2010, di La redazione


Castellammare di Stabia. Un conto troppo salato alla base di una rissa che ha portato a cinque arresti. Teatro della vicenda i noti chalet dell’Acqua della Madonna a Castellammare di Stabia. Qui i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno tratto in arresto per rissa aggravata: Immacolata Raffone, 49enne, stabiese proprietaria dello chalet, il cognato Giorgio Rosato, 54enne, anche lui stabiese il figlio di quest’ultimo, Francesco, 30enne, residente a Santa Maria la Carità e due clienti Alfonso Farina, 23enne, di Pagani (Salerno) così come il suo amico Giuseppe Amato, 20enne.
I militari dell’Arma sono intervenuti in via Caio Duilio, presso uno chalet dove Farina e Amato, insieme ad altri amici, si erano recati per cenare.
Al termine del pasto però i due hanno cominciato un’animata discussione con i gestori del locale pubblico, ritenendo che il prezzo della cena fosse troppo elevato.
La lite è ben presto degenerata in una violenta rissa, nel corso della quale i predetti si sono armati di bottiglie, bastoni e pezzi di tavoli in plastica.
I carabinieri, giunti sul posto, hanno sedato la rissa, sequestrato gli oggetti utilizzati come “armi” ed accompagnato i litiganti presso l’ospedale "S. Leonardo" dove sono stati medicati per le escoriazioni che si erano causati poco prima. Ora gli arrestati sono in attesa di rito direttissimo.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.