Home > Attualità > "Adesso tocca anche a noi costruire un futuro diverso": E’ la lettera dei (...)

"Adesso tocca anche a noi costruire un futuro diverso": E’ la lettera dei Giovani per un mondo unito a Napolitano

lunedì 30 agosto 2010


Al Presidente della Repubblica

On.le Dott. Giorgio Napolitano

Palazzo del Quirinale

00187 ROMA

Ill.mo Presidente,

Le scriviamo, anche quest’anno, in occasione della XX edizione del Palio di Somma Vesuviana, il 10/11/12 settembre 2010.

Festa popolare semplice e naturale, il Palio trascende e si accende ogni anno a settembre nella piazza principale, percorso di una trama che è ringraziamento e memoria, partecipazione e liberazione, uno dei luoghi dove lo “spirito” della nostra gente esprime la propria attitudine al rito e alla festa.

In questi 20 anni il Palio si è proposto come un grande evento collettivo, per il gioioso coinvolgimento di un popolo che ritrova un luogo per comunicare e raccontare le idee e i sentimenti che coltiva e conserva in sé.

Oltre l’immediato della festa popolare, dei giochi tra i rioni storici, dei molteplici linguaggi e degli elementi simbolici, il Palio è anche un terreno di ricerca collettiva, l’aspirazione a rendere partecipe la nostra gente di un modello sociale diverso, che allarghi gli orizzonti verso la universalità delle verità e bellezze di ogni popolo e cultura; l’anelito di elevazione culturale e morale di una Città desiderosa di riconquistare se stessa, per recuperare la sua dignità e i valori sociali.

Il Palio è cresciuto in profondità di ricerca e di coinvolgimento e si è confermato come momento di consapevolezza e meraviglia, di scoperta e acquisizione, di aggregazione e sviluppo sociale.

“Una continua Meraviglia”, è il tema scelto per la XX edizione. La Meraviglia tra passato e presente, tra desiderio e memoria, ritrovamento e futuro; la Meraviglia della nostra terra, i suoi paesaggi e le sue ferite, le sue speranze.

La Festa popolare, il Rito, possiedono elementi comuni: creare significati inediti, nuove emozioni e percezioni della realtà che nell’effervescenza collettiva, coinvolgono le persone nella dimensione della communitas, il sentirsi tutt’uno. E’ questo il continuo accadimento che viviamo ogni anno, insieme allo scambio tra le generazioni, tra l’antico e il nuovo, il perenne movimento del trascendersi della storia.

I giochi della tradizione popolare: il chirchio, la corsa con il sacco, il tiro alla fune, la pignatta, il palo di sapone, il curuoglio, attingono alle stesse radici storiche. I giochi del Palio vengono vissuti come relazione e vita, essi contribuiscono ad arricchire il patrimonio culturale sia nella dimensione locale che ci identifica come popolo, sia in quella globale, che ci caratterizza come esseri umani.

Le squadre dei rioni storici e delle contrade, ragazzi e giovani che nelle movenze dei giochi ripetono antichi gesti, scoprono l’appartenenza ad un luogo che diventa significativamente ricco di contenuti e più familiare. Luoghi di memoria comune.

La riedizione storica del Magister Nundinarum, antica concessione di Carlo II d’Angiò del 1294, legata alla storia della fiera medioevale di Somma, rivive per le vie che attraversano gli antichi rioni.

I giovani per un Mondo Unito (mov.dei focolari) di Somma e i loro amici, iniziatori e costruttori del Palio dal 1991, ogni anno con il loro impegno rendono continuo questo “sogno della memoria”.

Questi gli elementi costitutivi del Palio di Somma, che in questi anni ha avuto sempre la Sua vicinanza e attenzione.

Lei Presidente, ha incoraggiato proprio i giovani, in tante occasioni a non lasciare la nostra terra del sud e la nostra Italia, per essere segno di cambiamento e rinnovamento civile e culturale.

Le sfide che affrontiamo ogni giorno sono molteplici, a tratti difficili da raccogliere, ma proprio per questo così entusiasmanti; adesso tocca anche a noi, nuove generazioni, mettere le energie, talenti e volontà al servizio di tutti, per costruire nella nostra città un futuro diverso.

Siamo sicuri che anche quest’anno in occasione della XX edizione della manifestazione, non vorrà farci mancare il Suo sostegno, la Sua parola, il Suo saluto che per noi e la nostra città, insieme al nostro Sindaco, continua ad essere motivo di crescita e speranza per tutti.

La salutiamo con grande affetto e riconoscenza

I Giovani per un Mondo Unito di Somma Vesuviana

Comitato Palio di Somma Vesuviana

Referente: dott. Giuseppe Auriemma

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.