Home > Politica > Striano. Continua lo scontro tra il sindaco Del Giudice e l’ex assessore (...)

Striano. Continua lo scontro tra il sindaco Del Giudice e l’ex assessore Trippa

martedì 28 settembre 2010, di Giovanna Salvati


Striano. Ancora una volta è bagarre politica al palazzo municipale della cittadina strianese. Da un lato, il consigliere Francesco Trippa, ex assessore alla cultura, fino a qualche mese fa nella compagine di maggioranza ma poi silurato in meno di ventiquattro ore dal primo cittadino Antonio Del Giudice che invece sul fronte opposto continua a non batter ciglio sulle accuse che quotidianamente lo vedono al centro dell’attenzione. A mettere nel mirino delle critiche il tricolore Del Giudice una serie di perplessità e interrogativi che il consigliere Trippa avrebbe sollevato in un pubblico manifesto apparso ieri sulle mura della cittadina. “Sono stanco e annoiato delle critiche puerili di un ex assessore che perché bocciato da me e da tutta la maggioranza e declassato, continua ad attaccare su cose inesistenti – spiega Del Giudice - il mio non aver nominato subito un assessore con delega alla cultura è solo ed esclusivamente perché credevo che Trippa comprendesse le mie intenzioni ad un’apertura verso di lui, ma a quanto pare offuscato da tutt’altro non riesce a rendersi conto che sta criticando una giunta dove lui era un valido componente e uno dei artefici di tutto quello che ora mi viene a contrastare”. Cosi Del Giudice ribatte il suo ex fedelissimo e con tono deciso incalza “a breve ci sarà il battesimo per il nuovo componente della giunta che è stato già individuato, nella massima trasparenza e senza complotti , e non sarà senza dubbio individuato tra quelli che Trippa crede”. Non si ferma però il primo cittadino Del Giudice che cosi continua “ si continuano ad evidenziare delle irregolarità – spiega il sindaco – sul concorso della municipale prima quello relativo agli ausiliari e poi quello relativo al comandante, tutte falsità. Si è svolto tutto in piena trasparenza e Trippa lo sa, se ci saranno irregolarità riscontrate sarò il primo a denunciarle alle autorità competenti”. A finire infatti sotto accusa sembra essere in primis il bando con scadenza di 15 giorni pubblicato esclusivamente sul sito del comune che non avrebbe permesso di dare uguali opportunità ai giovani, inoltre un test a risposta multipla dove si
poteva cambiare la risposta che si riteneva errata. Altre irregolarità relative alla scelta della commissione, ma Del Giudice su questo precisa “abbiamo applicato un ordine di servizio e portato avanti una decisione del commissario prefettizio, e poi Trippa di che compagine è se continua a saltare tra maggioranza minoranza”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.