Home > Cronaca > Ottaviano. Autisti in sciopero "non ci pagano gli straordinari". Studenti (...)

Ottaviano. Autisti in sciopero "non ci pagano gli straordinari". Studenti "siamo stati beffati"

giovedì 30 settembre 2010, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Proteste e reclami per la ditta di autotrasporti di Torre Annunziata Eav Bus che ieri è finita nel mirino delle polemiche da parte di un gruppo di studenti universitari di Ottaviano. “Non ci pagano gli straordinari e noi scioperiamo” spiegano gli autisti, ma gli studenti “noi invece paghiamo le tasse e non possiamo perdere giorni di studio solo perché non adempite al vostro ordinario lavoro, gli straordinari sono cosa vostra”. Sono da poco passate le 6,30 ed la piazza Mercato della cittadina ottavianese inizia a popolarsi. E’ l’alba, ma gli studenti universitari si preparano alla trasferta per raggiungere i propri atenei. Attendono la linea bus che da Ottaviano li porterà presso l’Università degli Studi di Salerno, e le altre corse che arriveranno viceversa presso l’altro Ateneo, quello di Monte Sant’Angelo. L’arrivo dei bus come sempre è per le ore 7,00 e i giovani attendono pazienti. Attenderanno fino alle 8,00, ma dei bus in questione nemmeno l’ombra. Scatta cosi la protesta. Alcuni ragazzi, con molta rabbia, iniziano a reclamare alla ditta il mancato svolgimento della corsa e ancora di più di non essere state avvertiti “non è la prima volta che capita – commenta A.S. uno studente 22 enne della facoltà di Matematica di Fisciano – ma oggi nonostante abbiamo segnalato la cosa siamo anche stati beffeggiati e presi in giro dall’operatore al numero verde”. Poi con molta rabbia il suo amico continua il racconto “ siamo precisi e non possono dire che siamo arrivati in ritardo, ci anticipiamo sempre perché non è la prima volta che i bus passano o in ritardo o prima dell’ora stabilita, allora per evitare di perdere il pullman scendiamo tutti prima, e mai che fosse stato preciso. Oltre questo – continua F. P. 21enne della facoltà di Medicina, sempre dell’Ateneo di Fisciano – quello di cui siamo stufi è l’essere trattati male. Quando ho chiamato per chiedere spiegazioni mi hanno detto che il motivo reale era perché la ditta in questione si trovava a dover sovvertire l’assenza di personale perché in sciopero, si ma avvertiteci prima, e lui mi ha risposto, non siamo tenuti”. La ditta, di Torre Annunziata, però non esita e puntando al riscatto viceversa risponde “è stato un caso singolo, un piccolo problema che già domani non si verificherà”. Ma ad incalzare sono gli studenti che a margine spiegano “siamo vicini ai diritti di questi lavoratori ma non possiamo pagarne noi le spese di un disagio che ci crea problemi” “Non c’è un cartello dove c’è scritto a che ora sono gli orari, il personale a volte non è affatto gentile a volte e c’è l’ha con gli studenti e gli studenti c’è l’hanno con questa società per il semplice motivo che vogliono essere pagati ma non offrono un servizio adeguato al bacino di utenza e non rispettano gli orari – spiega invece un latro studente - questa nostra lamentela non intende offendere nessuno e tanto meno vuole danneggiare l’immagine di una società pubblica ma nel rispetto del lavoro altrui noi chiediamo solo che se loro non pagano gli straordinari ai loro dipendenti, non possiamo finirci noi come vittime, perché dipendenti che non vengono rispettati lavorano male e sono deleteri anche per noi”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.