Home > Politica > A Cimitile passa il Bilancio senza alcun debito

A Cimitile passa il Bilancio senza alcun debito

venerdì 1 ottobre 2010, di Maria Liparuli


Cimitile. Un risultato importante per le casse del Comune di Cimitile: non ci sono debiti fuori Bilancio. Un dato ottenuto dall’attuale Amministrazione e che è emerso nel corso dell’ultima seduta del consiglio comunale in cui si è discusso del riequilibrio di Bilancio (votato a fine serata dalla sola maggioranza). A presentarlo la relazione di Bilancio, portata in consiglio da ll’assessore al ramo Angelo Miele (nella foto). La minoranza si è soffermata soprattutto sulle cifre relative al capitolo Turismo e spettacolo, ove, inizialmente era stata iscritta la somma di 240mila euro, poi dimezzata. Una modificata necessaria, ha spiegato proprio Miele, la cifra era stata richiesta alla Regione come contributo per il premio letterario Cimitile ed inizialmente l’ente presieduto da Caldoro si era impegnato a sostenere la spesa, ma poi ha mantenuto l’impegno solo per il 50%. Sul modo in cui investire i fondi per la cultura chiatificatore è stato l’intervento del consigliere Tommaso Panagrosso “La politica culturale di questo paese”, ha dichiarato l’esponente della lista Oltre, “non può essere delegata al solo Premio Cimitile. L’attività di promozione culturale può e deve essere intensificata, anche perché abbiamo la fortuna di avere numerose associazioni che operano sul nostro territorio comunale e che debbono essere aiutate, una fra tutte Gli amici del Presepe vivente che da anni ormai promuove un evento capace di attirare sul nostro territorio migliaia di persone. Rilanciamo anche un’iniziativa partita con la passata Amministrazione e che poi caduta nel dimenticatoio: la Consulta delle associazioni”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.