Home > Cronaca > Ottaviano. Blitz contro i cacciatori di frodo: 3 arresti e 10 fucili (...)

Ottaviano. Blitz contro i cacciatori di frodo: 3 arresti e 10 fucili sequestrati

sabato 2 ottobre 2010, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Un operazione delicata quella messa in campo alle prime luci dell’alba di ieri dai militari della stazione di Ottaviano che hanno arrestato tre cacciatori sorpresi mentre in modo illecito sparavano a volatili. Un operazione che ha portato cosi al sequestro di 2 fucili di manifattura artigianale, e 8 fucili in via cautelativa il tutto con oltre 1500 munizioni per un bilancio più che positivo nella lotta alle irregolarità nel territorio ottavianese. Erano diversi giorni che presso la locale stazione dei carabinieri, arrivavano continue segnalazioni , chiamate di cittadini che lamentavano strani rumori durante le ore notturne“sentiamo degli spari durante la notte”. E cosi, al via la lunga attività di controllo del territorio fino agli arresti di ieri. Erano da poco passate le 5,00 di mattina, quando, i militari, una pattuglia in un servizio speciale predisposto per l’occasione, si è recata in via Raggi. La strada in questione, zona di confine tra la frazione di San Gennarello e Palma Campania, è un tratto di periferia costeggiato da numerose distese di campagne abbandonate e ai confini con il casello autostradale, per tanto il transito dei veicoli è cosi limitato da non aver per lungo tempo insospettito nessuno. Almeno fino a ieri. Gli uomini del maresciallo Domenico Iaccarino cosi si sono recati in via Raggi e hanno atteso. Dopo nemmeno qualche minuto, la pazienza è stata premiata con l’’arrivo di tre uomini armati di fucili che hanno iniziato a sparare. Pochi spari, tutti diretti verso il cielo: obiettivo volatili. Cacciatori per passione, ma che senza osservare minimamente le norme vigenti avevano da tempo trasformato la campagna in un vero e proprio tiro al bersaglio. I carabinieri hanno atteso che i tre terminassero le munizioni, e mentre erano cosi intenti a ricaricare le munizioni hanno agito e fatto partire l’arresto. Le manette ai polsi sono stati per Prisco Felice e Catapano Luigi entrambi 47enne di Ottaviano, e Cozzolino Antonio di 51 anni di San Giuseppe Vesuviano. I tre, nonostante abbiano tentato di fuggire sono stati fermati, e tradotti in caserma. Nel frattempo i militari hanno passato al setaccio le abitazioni dei tre e hanno sequestrato: due fucili di manifattura artigianale, quattordici cartucce calibro ventotto, e 1500 cartucce di altro calibro. Inoltre presso l’abitazione di Prisco sono stati ritrovati due riduttori per calibro 8 e 36 e durante la perquisizione a casa di Catapano invece , sono stati sequestrati altri otto fucili, tutti regolarmente registrati ma sequestrati cautelativamente. Insomma un bilancio più che positivi, che rientra nella lotta contro i cacciatori di frodo che sempre più spesso, seppur in eventi sporadici nel territorio vesuviano, non esitano a violentare la fauna e la flora locale pur di dare sfogo alle proprie passioni, dimenticando invece il principio della conservazione e rispetto della fauna, pur commettendo reato in un logo si isolato, ma non per questo autorizzato ad ospitare cacciatori improvvisati per hobby. I tre si trovano ora presso la casa circondariale di Poggioreale.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.