Home > Cronaca > Ottaviano. Ripulite le campane di vetro dopo le segnalazioni

Ottaviano. Ripulite le campane di vetro dopo le segnalazioni

mercoledì 13 ottobre 2010, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Dare a Cesare quel che è di Cesare. E dopo l’atto di impegno dimostrato dall’amministrazione Iervolino sarebbe il minimo dell’elogio per il tempestivo impegno dimostrato dopo le innumerevoli segnalazioni dei cittadini che dal mese di agosto lamentavano il completo degrado in cui versavano le campane utilizzate per la raccolta del vetro. E cosi in meno di due giorni è stato il primo cittadino Mario Iervolino ad impegnarsi personalmente e passare dalle parole ai fatti, ordinando la ripulitura, almeno parziale, delle campane. Da piazza Municipio a via Fontana,, passando per viale Cesare Augusto, e dulcis in fundo Piazza San Lorenzo, emblema del degrado che sembra essere diventata il vero specchio della pulizia e dell’ordine. In meno di qualche giorno le strade sono tornate a splendere e versare in uno stato di completa cura e pulizia. Le centinaia di buste contenenti le altrettante centinai di bottiglie riversate negli angoli delle campane non regalavo senza dubbio una bella immagine e una copertina eccellente del paese che però ora sembra respirare un po’ di aria pulita. Un atteggiamento lodevole da parte di un’amministrazione che senza esitare ha accettato in modo costruttivo la critica e senza esitare ha provveduto alla rimozione, dopo l’attenta riflessione dell’oggettivo degrado che era visibile sotto gli occhi di tutti. Ma quali sono state le reazioni dei cittadini? Sindaco promosso a pieni voti secondo alcuni residenti delle zone “finalmente vediamo una piena collaborazione, e il nostro contributo non viene preso come un voler offendere i nostri amministratori”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.