Home > Cronaca > Palma Campania. Assessore aggredito per vendetta, identificato (...)

Palma Campania. Assessore aggredito per vendetta, identificato l’aggressore

giovedì 14 ottobre 2010, di Giovanna Salvati


Palma Campania. Assessore al bilancio aggredito in un parcheggio non lontano dal Comune, scatta la paura tra gli amministratori. Individuato l’aggressore ma per ora nessuna intenzione di denunciarlo. Luci ed ombre avvolgono l’assurda vicenda consumatasi nel tardo pomeriggio di ieri, che ha visto coinvolto un amministratore locale di Palma Campania preso a calci e pugni solo per perseguire i propri principi di trasparenza e legalità. A finire cosi nel mirino l’assessore Angelo Raffaele Saviano, con delega al Bilancio e alla Programmazione, pestato mentre stava entrando nella sua autovettura, nel parcheggio vicino alla casa municipale. Una vicenda che mette sotto i riflettori l’assurda capacità di “punire” solo per scelte politico amministrative e cosi ora si cerca di concentrare le indagini sull’operato amministrativo dell’assessore. Per ora l’accaduto potrebbe essere una chiara conseguenza delle comunicazioni condivide nel consiglio comunale della sera precedente all’aggressione. Non a caso, la sera prima, durante la pubblica assise l’assessore era finito nel mirino delle polemiche e di un acceso dibattito dopo aver comunicato un taglio del personale per i caposettore. Da dieci le figure sarebbero passate a cinque. Tra questi cinque che sarebbero stati tagliati, solo alcune, probabilmente due avrebbero risentito della decisione (tre tra questi invece risulterebbero già in pensione, e uno deceduto) tanto da non accettarla e scontrarsi, anche ieri mattina, con l’assessore Saviano. La pista ora da seguire, e sulla quale stanno cercando di indagare gli uomini del maresciallo Giuseppe Esposito, e se l’aggressione sia riconducibile e abbia quindi qualche relazione con la decisione relativa al taglio dei settori e di conseguenza del personale, che avrebbe in qualche modo, fatto scatenare la rabbia di qualche dipendente o suo familiare, o viceversa un atto intimidatorio, o semplicemente un tentativo di rapina andato male, anche se questa ultima ipotesi sembra essere stata scartata. Nel frattempo, il primo cittadino non teme assolutamente l’atto intimidatorio e conferma gli screzi di questi ultimi giorni all’interno della macchina comunale. "La dialettica in politica è importante - ha sostenuto il primo cittadino Vincenzo Carbone - ma non bisogna esagerare e lasciarsi andare a esternazioni che incitano alla violenza. Purtroppo in queste settimane si respira un clima pesante, intimidatorio nei nostri confronti". Operare nel bene comune, un bene che forse troppo spesso porta a scelte che non sempre vengono condivise ed accettate, ma purtroppo obbligatorie. L’assessore Saviano, dopo l’aggressione è stato medicato in ospedale per una ferita al volto, ed escoriazioni su varie parti del corpo giudicate guaribili in sette giorni. Secondo alcune indiscrezioni l’aggressione sarebbe già stato individuato ma si aspettano le decisioni dell’assessore Saviano per mettere fine alla vicenda.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.