Home > Attualità > “L’isola ecologica ai Romani è un oltraggio”

S.Anastasia. I residenti del quartiere residenziale protestano per il progetto che prevede la struttura vicino ad una scuola

“L’isola ecologica ai Romani è un oltraggio”

venerdì 22 ottobre 2010, di Gabriella Bellini


Sant’Anastasia. Ancora non deve essere realizzata e già viene fortemente contestata. Si tratta dell’Isola ecologica che il Comune aveva previsto di realizzare nel quartiere Boschetto, a Madonna dell’Arco salvo poi cambiare idea. Secondo una nuova delibera di giunta la struttura che dovrebbe raccogliere la raccolta differenziata della città dovrà ora sorgere nei pressi di una scuola elementare in via Romani e tra due grandi parchi residenziali.
Una scelta che preoccupa non poco genitori e residenti che l’altra sera hanno svolto una riunione, presenti un centinaio di persone, all’interno della struttura sportiva del parco Quadrifoglio, una riunione durata circa un’ora nel corso della quale si è stabilito di opporsi alla decisione dell’amministrazione comunale di centrodestra, un’opposizione che sarà fatta, per ora, con una lettera di protesta diretta al sindaco.
Una decisione che è sostenuta anche dal Pd, come spiega il consigliere comunale Franco Casagrande.
“Si tratta di un oltraggio per i cittadini di via Romani”, afferma Casagrande, “Al quale ci opporremo, ricorrendo anche al difensore civico regionale se sarà necessario. Ma intanto è necessario fare un piccolo passo indietro. Con la delibera di giunta n.178 del 5 ottobre scorso l’amministrazione comunale ha chiesto alla Provincia una proroga ai finanziamenti per la realizzazione dell’Isola ecologica. Nella delibera si evidenzia il nuovo sito, considerato che il primo, era l’area del Boschetto. Sappiamo che c’è stato qualche errore tecnico, ma sappiamo anche che qualche consigliere di maggioranza ha protestato duramente per impedire che fosse fatta lì. Il nuovo sito è stato individuato nella zona dei Romani, alle spalle della scuola media ‘Elsa Morante’, le cui finestre affacciano proprio sull’area individuata. Questo è un’altro oltraggio alla comunità dei Romani, è un altro affronto nei confronti di un quartiere che alle ultime elezioni comunali si è distinta per il voto a Sinistra contro l’attuale Amministrazione. Non è possibile che si costruisca un’Isola ecologica in una zona che al Catasto è dichiarata residenziale, che è circondata da Parchi residenziali, in cui si trova un istituto scolastico”. Ma i motivi che spingono il partito e la gente a protestare è l’ipotesi che il Comune destini a quell’area ben altro che la sola struttura per la differenziata. “Le perplessità sono tante”, aggiunge Casagrande, “ una in particolare è che l’Amministrazione per ridurre i costi dell’Amav decida di de localizzare il deposito della municipalizzata nella stessa area con le conseguenze che tutti possiamo immaginare. Continuo a credere che questa decisione sia una punizione per questa zona che da sempre ha votato contro il centrodestra”. L’ultimo appello Casagrande lo rivolge al primo cittadino: “Dopo l’apertura al dialogo fatta dal sindaco lo invito ad un incontro con tutti i residenti del Parco. I cittadini non sono contrari all’apertura della struttura in questione, ma che venga fatta in un’area non residenziale e lontano da scuole. Da parte nostra appoggeremo la protesta degli abitanti del Boschetto, se necessario faremo ricorso al difensore civico della Regione Campania”.

Messaggi

  • E PERCHE’ sarebbe un oltraggio?????
    sentite ma perchè la monezza non ve la interrate sotto casa cosi voi buffoni avreste risolto il problema?
    L’isola ecologica da qualche parte si deve fare ma se tutti dicono da me no ...........-

    • non è un oltraggio ma un’emerita str....ta quello che afferma quello lì!Ma ti pare che si faccia l’isola ecologica solo perché a via Romani si voti a sinistra ma vi pare logico aizzare gli animi, in questo momento (vedi Terzigno)calunniando e fare affermazioni di questo tipo? mi rivolgo all’intellighentia di sinistra:
      Non vi offendono tali parole? ma che? vi prendono tutti per cretini? si agisce solo per vendetta solo perché non mi hai votato?
      Egr. ill.mo proponi una soluzione fattibile e realizzabile di c....te in questo paese se ne dicono a iosa non ti ci mettere pure tu BUONA DOMENICA

  • Casagrande, il difensore civico della Regione Campania non conta niente. Conta invece la mobilitazione della gente e l’Informazione. Servono aree disponibili? Il comitato Neanastasis ne ha individuato un’altra perfetta: si tratta di area dove già erano stoccati rifiuti, sequestrata ad un privato ed acquisita al patrimonio comunale. Vicina a Via Pomigliano e ben servita, più lontana da case e scuola che non quella del boschetto. Controindicazione, l’ex proprietario è un grande elettore del sindaco e forse spera di tornare in possesso? Non lo so, è un "si dice", qualcuno ne sa qualcosa di più?

    • L’isola ecologica si deve fare e ci serve. Non perdiamo anche questo finanziamento insieme agli altri. Però, possibile che non c’è un’area che non sia vicina ad una scuola?

    • Brava Emanuela per chiudere il ciclo dei rifiuti indifferenziati e non tossici c’è bisogno di un sito dove poter accumulare questo benmaledetto rifiuto. Per quanto riguarda il sito individuato dall’associazione "neanastasis" spero che non sia quella di via Pomigliano : la "gianguglielmo"? (cerchiamo di non far altri guai ) secondo i si dice, nel sottosuolo della suppensata , ci sono tanti rifiuti tossici da far rabbrividire BELZEBU’ quindi andrebbe prima bonificata (nel meridioncampano è possibile?) e poi messa in sicurezza (quanti anni ci vogliono?)se poi è quella di via somma fronte TRAMAEL il luogo sarebbe ideale, ben servito, spazio a sufficienza per depositare anche i mezzi AMAV, uscita circumvallazione, ma bisogna (secondo sempre ai si dice) aspettare il terzo grado di giudizio prima che diventi patrimonio comunale (campa cavallo).
      Per quanto riguarda il progetto boschetto invece penso che il luogo è inpensabile : a ridosso del santuario dove potrebbe nascere un polo di servizio (navette , punti ristoro etc..) allo scopo di migliorare ed incrementare l’offerta turistico-religiosa che questo paese ha bisogno quindi fra i "penso" i "si dice" e gli amori incoffessabili di vari amanti ed oriundi che ha questo paese affoghiamo nella spazzatura PAPERINIK!

    • Dovunque troverai un area cara signorina emanuela, e stanne certa se non sara vicino ad una scuola sara vicino ad una abitazione, vicino ad un giardino, vicino ad una fabbrica vicina......... vicino........ e di questo passo l’isola non si farà mai poichè oramai l’impazzimento è generale che sembra che le uniche discariche in italia si fanno a napoli, einvece le discariche le isole si fanno e si trovano dovunque nel mondo civile a meno che non vogliate affogare tra i rifiuti...........................CERTO LO TROVO MOLTO STRANO che quando era la cammorra SPA che vi riempiva di sostanze chimiche nessuno protestava e adesso per un po di puzza tutti che parlano di salute e minchiate varie come se le PUZZE generano danni alla salute....ma chi ve le racconta ste fesserie?
      Quanto all’area vicino ai romani che già in passato era una discarica è bene sottolinare che non c’entra niente ma proprio niente che il suo ex proprietario è un elettore del sindaco...........quell’area è sotto sequestro della magistratura e dato che in questo nostro paese di pulcinella oltre a raccantare favole la giustizia .....ma quella dei nostri solerti magistrati dura qualche decennio ...............capirete che quell’area finchè è sotto sequestro non appartiene al comune che non puo assolutamente disporne.........ma sapete che c’è in corso un procedimento penale per quell’area? e allora vi prego di non dire minchiate...........................

    • L’area di Gianguglielmo è acquisita al patrimonio comunale. Era e può essere disponibile. Ma serve coraggio. Anche il palazzo Tortora Brayda è proprietà comunale ma ci sono degli estranei dentro che dicono di abitarci da 40 anni (ma non è vero!!!)Anche la zona verde di fronte all’area del mercato è dei cittadini, invece è chiusa da cancellata e serve solo a quelli del parco di Ciro Esposito. Si dovrebbe fare una mappa delle aree pubbliche negate a noi cittadini. Ma insomma possibile che un sindaco non abbia gli attributi per prendersi ciò che proprietà comunale e farlo servire per tutti noi! Se non lo fa non può dire di essere meglio di Iervolino e Pone. Sta in equilibrio come tutti. In ultimo, dov’erano i cittadini quando Giangugliemo sversava inquinava e tutti sapevano???

    • Un’altra area già acquisita al patrimonio comunale è l’area alle spalle della vecchia scuola elementare alla starza,dove è stato impiantato un deposito di camion.
      Le palle non ci vogliono solo per cacciare Pappardia ci vogliono anche per simili azioni.

    • Il sindaco ha mantenuto un’unica promessa elettorale: cacciare Pappadia. Ora vorrei vedere coe fa a far sparire gli abusi e i vari problemi dell’Ufficio tecnico. Gli spazi per l’isola ecologica non mancano, nè su Via Romani né Via Pomigliano. Ma Ciro Pavone cosa ne pensa? Egli che rappresenta i giovani entusiasti e disinteressati con la sua voce giovane e fresca potrebbe dare un contributo incisivo e difinitivo.

    • Per Paperink...sai molte cose, per avere meno di 25 anni...comunque complimenti! Ma non ti aspettare nulla da questo sindaco, senti a me!

    • BRAVO PIPPO ce lo chiediamo tutti dove era la gente quando giangugliemino sversava rifiuti tossici.............nessuno che abbia mai aperto bocca.......e adesso per una discarica come ce ne sono tante in italia e nel mondo stanno a fare le proteste..................sono solo buffonate.................non vorremo che dietro certe proteste si muovano altri interessi...............BRAVO A MARONI e al governo che vanno aventi per la loro strada che è poi l’unica possibile

    • In pratica stai dicendo che l’isola ecologicala dobbiamo andare a fare dove? in mezzo al paese???

    • propongo.. il Parco nazionale del Vesuvio... Ultimamente va di moda! Oppure.. la località Preziosa!!
      Vediamo un pochetto.. località Starza, c’è tanto terreno... Mmmm oppure.. vicino il cimitero, anche lì c’è tanto terreno... O forse.. dove c’è la circumvallazione, per intenderci alle spalle del mercato settimanale... Insomma.. dovunque basta che non ci siano le scuole vicino!!! F.A.

    • la PREZIOSA è SOTTO SEQUESTRO E QUINDI FINCHè iddio MAGISTRATURA NON LA DISSEQUESTRA NON CI POTETET FARE PROPRIO NIENTE................PERò SAPETE SI PUO UTILIZZARE LO SPIAZZO DEL SANTUARIO ..............BASTA CHE NON CI SIANO SCUOLE VICINO O NO???
      OPPURE SAPETE BUTTIAMOLE......................MA SI CHE BELLA IDEA SI SI BUTTIAMOLE NEL CAMPO SPORTIVO TANTO LI POSSONO SOLO PROTESTARE I CALCIATORI E QUALCHE TIFOSO.............

    • Cari Amici l’isola ecologica va fatta dove il sindaco pone l’aveva designata oppure in un’altra area condivisa da tutti.
      C’è gia un progetto approvato dalla provincia,già un finanziamento per quell’area,già i rilievi di compatibilità sono fatti,allora perchè il sindaco esposito decise di spostarla? solamente perchè in quell’area c’è un consigliere di maggioranza,oppure per quella grande stronzata di giustificazione che hanno trovato:Siccome l’area si trova vicino al santuario (circa 1km e mezzo)dovrebbe nascere un parcheggio per favorire il flusso verso la chiesa.
      Questa è la stronzata del secolo

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.