Home > Attualità > Tess: sbloccati i fondi. Ora al via lo sviluppo dell’area Torrese (...)

Tess: sbloccati i fondi. Ora al via lo sviluppo dell’area Torrese Stabiese.

sabato 23 ottobre 2010, di Felicia Liguori


Un importante risultato è stato raggiunto per l’area Torrese Stabiese e per i lavoratori di Tess Costa del Vesuvio. Nel corso dell’incontro tenutosi il 20 ottobre scorso in Regione a cui hanno preso parte l’Assessore al Lavoro, Severino Nappi, alle Attività Produttive, Sergio Vetrella, il Sindaco di Torre Anunziata, Giosuè Starita, il Sindaco di Castellammare di Stabia, Luigi Bobbio, il Presidente di Tess, Leopoldo Spedaliere, Cgil, Cisl e Uil, si è finalmente giunti ad un’intesa. I due assessori si sono, infatti, impegnati a presentare entro il 29 ottobre in Giunta la delibera che servirà a sbloccare finalmente i fondi, pari a due milioni di euro, per garantire il proseguimento delle attività già avviate da Tess e per garantire gli stipendi ai dipendenti dell’ Agenzia di Sviluppo. La stessa delibera metterà a disposizione 23 milioni di euro per favorire nell’area Torrese Stabiese la creazione di insediamenti produttivi che consentano lo sviluppo dell’occupazione. Ora, però, bisogna partire con un piano concreto per lo sviluppo dell’area affinchè si riesca ad uscire dall’emergenza e a creare nuova occupazione. Restano, però, delle perplessità per quanto riguarda i tempi entro i quali le risorse saranno liquidate. I lavoratoti di Tess e le RSA si augurano che entro la prima settimana di novembre si possa discutere anche delle prospettive future della società che rimane uno strumento indispensabile per le attuazioni delle politiche di sviluppo di un territorio strategico, quale l’area Torrese Stabiese, ora attanagliato da problemi sociali e occupazionali.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.