Home > Sport > Il Centro Ester Napoli in casa della capolista Nettuno Montella

PALLAVOLO

Il Centro Ester Napoli in casa della capolista Nettuno Montella

Da una capolista all’altra. Dopo aver raccolto un set e tanti complimenti contro il Benevento, domani (ore 18.30) il Centro Ester va a caccia del miracolo sul campo dell’altra dominatrice del campionato, l’Acca Montella.

sabato 27 novembre 2010


Napoli – Compito arduo, quasi proibitivo, perché la formazione irpina rappresenta quanto di meglio, almeno sulla carta, possa offrire l’attuale campionato di serie C. E del dream team montellese fa parte un’atleta che neppure sei mesi fa festeggiava assieme a coach Vitale, alle compagne e a tutto il popolo esterino una storica promozione in B1. Ginevra Fidora, palleggiatrice del Centro Ester nelle ultime due stagioni, è la grande ex dell’incontro. Anche per lei non sarà una partita come le altre.
“Il set vinto contro Benevento ci ha caricato, si respira un’atmosfera diversa anche negli allenamenti”, confessa Gaetano Vitale. “A Montella non avremo nulla da perdere, proveremo ad esprimere il nostro gioco senza l’assillo del risultato a tutti i costi. Le responsabilità e le pressioni verranno nelle prossime gare, non certo in questa che ci vede sfavoriti”. Buone, intanto, le indicazioni fornite da gran parte del gruppo nel corso della settimana, nobilitata dal successo (3-2) colto dalla formazione under 18 nella seconda giornata di campionato a spese dell’Ottavima. “Queste vittorie ci aiutano a mantenere alto il ritmo e ad acquisire consapevolezza delle nostre potenzialità”, sottolinea il direttore tecnico barrese. “Certo, giocare tante partite non agevola la regolarità della nostra preparazione, ma questo è un aspetto che non mi preoccupa più di tanto”.
Napoli, 27/11/10

Rino Dazzo, Addetto Stampa Centro Ester

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.