Home > Cronaca > Somma Vesuviana, così ti lascio gli studenti al freddo

Somma Vesuviana, così ti lascio gli studenti al freddo

domenica 12 dicembre 2010


Somma Vesuviana. Il famigerato “generale inverno” colpisce a Somma Vesuviana. A rimanerne vittima un istituto scolastico, quello del Fiordaliso nel quale sono di stanza il secondo circolo didattico, il Summa Villa ed alcune aule dello scientifico Torricell, nel quale, da giorni ormai, non funzionano i riscaldamenti. Così in strada sono scese le mamme dei piccoli alunni a rivendicare per i loro figli il diritto a non seguire le lezioni in aule gelide ed umide. In realtà, questa storia del cattivo funzionamento del riscaldamento, è roba alquanto vecchia e a raccontarla sono state le stesse madri presenti al sit-in. “Dopo l’ondata di freddo novembrina” hanno dichiarate le signore “abbiamo richiesto al dirigente scolastico (Maria Rosaria Cetro n.d.r.) che intervenisse affinché si avviasse l’accensione dei riscaldamenti prima del termine fissato dalla legge (il primo dicembre)”. La dirigente si sarebbe attivata ed avrebbe scritto al sindaco Raffaele Allocca per far si che venisse emessa un’ordinanza in merito alla vicenda. Il primo cittadino, ascoltate le istanze della dirigente, avrebbe emesso l’atto per l’accensione dei termosifoni qualche giorno prima del primo dicembre. Da qui in avanti però sono sorti i primi problemi. In primis quello relativo al combustibile. Difatti il Comune tempo fa ha deciso di sostituire il gasolio con il gas metano cittadino all’interno dei propri istituti scolastici. L’operazione ha dunque comportato una riconversione delle caldaie alle quali sono state sostituiti dei pezzi. E qui è sorto l’inghippo riguardante però solo il Fiordaliso. Difatti la ditta intervenuta, invece di sostituire il bruciatore, come in altri istituti scolastici sommesi (nei quali non sono stati registrati disagi), ha sostituito solo una serie di uggelli del gas. Questo ha comportato il non funzionamento della caldaia ed il conseguente freddo nelle aule. “E’ vergognoso” ha ammesso una delle mamme “che si arrivi in pieno inverno per risolvere il problema del riscaldamento. Qui ci sono una serie di bambini che si sono ammalati in quest’ultimo mese”. Sotto il peso della protesta il Comune si è attivato nella giornata di venerdì inviando la ditta che si è occupata sia dell’allaccio alla rete del metano che della riconversione. Purtroppo però qualcosa è andato di nuovo storto e ieri mattina si era di nuovo al punto di partenza tanto che freneticamente i tecnici inviati dal dirigente responsabile, Errico Eliani, hanno lavorato tutta la giornata per permettere di cambiare il bruciatore e far partire finalmente le caldaie nella tarda mattinata di lunedì. La protesta delle madri però si è svolta però alla luce di un fatto davvero insolito. Tra lo stupore generale si è scoperto che un parcheggiatore abusivo fa in modo che le auto di alcuni avventori del mercato rionale, che si svolge ogni sabato a poche decine di metri dall’istituto scolastico del Fiordaliso, vengano parcheggiate all’interno dello spazio di proprietà della scuola. “E’ la prima volta che ci viene fatto presente” sono state le parole della Cetro. “Chiederemo l’intervento dei vigili urbani per risolvere il problema” ha concluso la dirigente.

Messaggi

  • Tanto per ampliare il quadro: gli studenti del corso C del Torricelli (ospitati nel plesso Fiordaliso) sono stati puniti con un accompagnamento e minacciati di sospensione per aver protestato contro la mancata accensione dei termosifoni già il 2 dicembre, nonostante al Dirigente scolastico venne indirizzata (per conoscenza) la lettera firmata dai rappresentanti degli studenti e messa agli atti del Comune di Somma Vesuviana la mattina stessa!

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.