Home > Sport > Anche Sabaudia s’inchina alla 4D Ipersisa Sarno

Anche Sabaudia s’inchina alla 4D Ipersisa Sarno

Chi credeva che bastasse una bella figura in Coppa Italia per ridimensionare e contenere la voglia di vincere di questo meraviglioso Team dei Miracoli non aveva ancora fatto i conti nella maniera corretta, aveva dimenticato il “tre”.

domenica 12 dicembre 2010


TRE come i set in cui Sarno ha dimostrato di essere immensa travolgendo la pur forte formazione della Asd Caffè Circi Sabaudia; “tre” come i punti conquistati dalla compagine salernitana che la catapultano al quarto posto; “tre” come le squadre che transitano nella stessa posizione; “tre” come il numero di maglia del grande capitano dell’ Ipersisa Ildikò Vojth autrice di una gara a dir poco fantastica giocata sfoggiando la sua immensa classe; “tre” ….. come le magie in battuta di una Lo Re che è salita in cattedra dimostrando che ha tutte le caratteristiche per poter puntare ad essere una vera numero 1; “tre” ….. come i secondi in cui si pensava che una grandissime Repice potesse abbandonare la gara per un infortunio che non è riuscito a scalfire le sue braccia d’acciaio; “tre” ….. come le Grimaldi che sembrano essere in campo; “tre” ….. come i punti con i quali una superiontino ha fatto capire che a Sarno non si viene a scherzare; “tre” ….. come le volte in cui una gladiatoria Russo ha rialzato la testa dopo un errore ed ha detto la sua a voce alta; “tre” ….. come i punti fondamentali emersi dalla regia maestra di Mezzapesa. Ma andiamo con ordine.
Classica formazione per le bianconere sarnesi con Mezzapesa in cabina di regia, Vojht nel ruolo di opposta, Lo Re e Riontino schiacciatrici, Repice e Russo al centro con Grimaldi libero.
Primo set in favore della Asd Caffè Circi Sabaudia che a tratti regala veramente sprazzi di una elegante e raffinata pallavolo macchiata solo da molti errori in battuta, fondamentale, quest’ultimo, che costerà caro alla formazione guidata dall’allenatrice Casalvieri, che, nonostante tutto ha comunque subito una violenta reazione della squadra di casa decisa a rimontare un parziale che alla fine ha premiato le bravissime atlete laziali.
I “restanti” tre set raccontano un dominio assoluto delle ragazze di Loparco che, punto per punto, hanno ricamato un successo che ha letteralmente lasciato senza fiato e senza forze le avversarie, le quali vedevano sempre di più scomparire il miraggio di un solitario quarto posto, e che, pur volendo reagire, non riuscivano ad essere incisive come nel primo parziale che le ha viste protagoniste. Tutto merito del cuore e della testa delle Leonesse Sarnesi capaci di accumulare vantaggi abissali e gestirli in maniera proficua ed attenta giocando in maniera quasi sempre semplice e concreta, senza mai disdegnare di concedere qualche colpo di vera classe a beneficio di un pubblico infiammato nel sostenere le proprie beniamine fino a scendere quasi in campo per festeggiare la vittoria che puntualmente è arrivata.
Adesso Sarno vola verso la prossima lunga trasferta in terra sarda, dove ad attenderla ci sarà una Alfieri Cagliari agguerrita e con poca voglia di fare regali natalizi. La partenza è alle “tre” ….. come la posizione in classifica alla quale punta la squadra del presidente Aito …. quel posto “tre” dove, forse è vero che non si vince nulla, ma si fanno tanti bei sogni come quello di una promozione che, se chi scrive non sbaglia, potrebbe essere la numero “TRE”.

4D Ipersisa Sarno – Asd Caffè Circi Sabaudia 3-1

Set Punteggi Finali
1 22 – 25
2 25 – 18
3 25 – 17
4 25 – 16

Tabellino
4D Ipersisa Sarno: Mezzapesa p.6, Lo Re p.18, Vojht p.19, Russo p.4, Riontino p.15, Repice p.11, Sellitto, Grimaldi L.
Asd Caffè Circi Sabaudia: Centi p.6, Fiore p.21, Agola p.4, Carminati p.9, Antonucci p.12, De Angelis p.4, Marazza p.5, Scognamillo L.

Autore/Fonte: Buonaiuto Damiano

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.