Home > Attualità > Napoli ospita Lura

Napoli ospita Lura

"Lo Sguardo di Ulisse - Musiche Migranti". X Edizione, 17/26 luglio

lunedì 23 luglio 2007, di Gabriella Castiello


Questa sera, al Parco dei Quartieri Spagnoli, la città di Napoli ospita Lura. Il sound della bella portoghese animerà la decima edizione de “Lo Sguardo di Ulisse – Musiche Migranti”, rassegna organizzata da Sig. Bloom e SudArte.

Questa sera, al Parco dei Quartieri Spagnoli, la città di Napoli ospita Lura. Il sound della bella portoghese animerà la decima edizione de “Lo Sguardo di Ulisse – Musiche Migranti”, rassegna organizzata da Sig. Bloom e SudArte. Il successo di Lura inizia con l’uscita del suo primo album “Listen to Lura”, ma la sua fama viene consacrata con il terzo album “Di korpu ku alma”. Album che scala le vette delle classifiche di numerosi paesi e che la accosta a sua maestà Cesaria Evora. Centinaia di concerti in giro per il mondo ne rafforzano la qualifica di artista ‘live’, capace di intarsiare il pop con i ritmi e le seduzioni della musica di Capo Verde. “M’bem di Fora”, ovvero “Vengo da lontano”, è il titolo del suo ultimo disco. Un lavoro, pubblicato per la Edel alla fine del 2006, provocante e sensuale, prodotto e arrangiato da Nando Andrade, fido collaboratore della Evora. Questa sera, in corso Vittorio Emanuele, nella quarta e ultima data italiana, Lura sarà accompagnata da Antonio Jesus Santos Vieira al piano, Aurelio Borges Dos Santos alla chitarra, Edevaldo Jorge Correja Figueiredo al basso, Nunes Paulino Baptista alla batteria, Carlos Paris alle percussioni e Guillaume Singer al violino. “Lo Sguardo di Ulisse – Musiche Migranti” si concluderà il 26 luglio con il “Cabaret Yiddish” di Moni Ovadia.
lunedì 23 luglio ore 21. Ingresso 10 euro + diritti di prevendita | Infoline: 081 5934001 / info@sigbloom.it

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.