Home > Cronaca > SOMMA. Tenta il suicidio con il gas, salvato in extremis dai (...)

SOMMA. Tenta il suicidio con il gas, salvato in extremis dai carabinieri

venerdì 14 gennaio 2011, di Gabriella Bellini


DA METROPOLIS DEL 14 GENNAIO

Somma Vesuviana. Da qualche tempo il suo umore era cambiato, si dimostrava depresso e scostante, brutti segnali che non erano passati inosservati ad una vicina di casa. Una fortuna la sua, proprio la preoccupazione della donna, infatti, gli ha salvato la vita. I carabinieri della stazione di Somma Vesuviana, avvisati da una telefonata, hanno salvato in extremis un uomo di mezza età che stava tentando il suicidio. La donna insospettita dall’atteggiamento che il dirimpettaio aveva assunto nelle ultime giornate quando non lo ha visto in giro ha pensato di avvisare le forze dell’ordine. Sul posto, in via Pigno, nel quartiere di Rione Trieste, si è immediatamente recata una pattuglia dei militari (coordinati dal maresciallo Raimondo Semprevivo). Gli uomini dell’Arma hanno prima bussato alla porta, senza averne alcuna risposta, erano però certi che l’uomo fosse all’interno dell’abitazione e così, senza perdere tempo, hanno abbattuto le due porte che li separavano da lui. Lo hanno trovato pronto con la corda al collo, il gas della cucina lasciato aperto ed armato di pistola. Insomma era più che certo dell’azione che voleva portare a termine e si era preparato in tutti i modi ad affrontare questo drammatico gesto. I carabinieri sono riusciti a fermarlo giusto in tempo, lo hanno calmato e tranquillizzato poi hanno chiamato il 118. Sul posto è intervenuta un’ambulanza che ha accompagnato l’uomo all’ospedale per i primi esami e le cure del caso, in seguito è stato affidato ad alcuni parenti. Alla base del gesto la disperazione in cui l’uomo si trovava da qualche tempo. Era frustato e si sentiva solo da quando si era separato dalla moglie dopo diversi anni di matrimonio, insomma ragioni sentimentali lo avevano portato ad un tale stato di prostrazione da arrivare a credere che la morte potesse essere l’unica soluzione possibile. Alla fine l’attenzione di una vicina e la tempestività dei carabinieri intervenuti sul posto sono servite a salvargli la vita. Ora l’affetto e l’attenzione dei parenti dovrà aiutarlo a superrare uno dei momenti più difficili.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.