Home > Attualità > Comunicati Stampa > Pollena Trocchia, domani lutto cittadino in memoria di Vincenzo (...)

Pollena Trocchia, domani lutto cittadino in memoria di Vincenzo Liguori

domenica 16 gennaio 2011, di Comunicato Stampa


Il sindaco, Francesco Pinto, ha disposto, con un’ordinanza, il lutto cittadino e l’esposizione delle bandiera a mezz’asta nel Palazzo Municipale, in occasione della celebrazione dei funerali di Vincenzo Liguori, vittima innocente dell’agguato di camorra avvenuto l’altro giorno a San Giorgio a Cremano. Vincenzo Liguori, stimato e amato cittadino di questa comunità, è il papà di Mary, cronista de Il Mattino.
Il lutto cittadino è stato disposto per domani 17 gennaio, dalle ore 8.00 alle ore 14.00. I funerali si celebreranno alle ore 11.00 nella chiesa di San Giacomo Apostolo in Piazza Amodio, dove la salma arriverà alle ore 9.30.
Il sindaco Pinto ha invitato i sindaci dei comuni vesuviani, le istituzioni provinciali e regionali, ad intervenire alla cerimonia funebre con i gonfaloni. Ha inoltre invitato i concittadini, i titolari di attività commerciali, le organizzazioni sociali e produttive, i dirigenti scolastici, ad esprimere la loro partecipazione al lutto cittadino mediante la sospensione delle attività in segno di raccoglimento e rispetto, dalle 8.00 alle 14.00.
«È inconcepibile perdere la vita mentre si è intenti al lavoro – ha affermato il sindaco Francesco Pinto- sono vicino, unitamente alla comunità di Pollena Trocchia, alla famiglia Liguori che, per mano di assassini senza scrupoli, si è vista privata dell’affetto di Vincenzo. Per l’ennesima volta questo tragico episodio ha riacceso i riflettori sull’emergenza sicurezza dei nostri territori. Emergenza sulla quale – ha aggiunto Pinto- è necessario si concentri l’attenzione di tutte le Istituzioni».

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.