Home > Cronaca > Somma Vesuviana, un bus pagato dagli sponsor per anziani e disabili

Somma Vesuviana, un bus pagato dagli sponsor per anziani e disabili

giovedì 20 gennaio 2011


Somma Vesuviana. L’ultima frontiera per aggirare la mannaia finanziaria abbattutasi sugli Enti locali sembra essere il coinvolgimento dei soggetti privati nell’erogazione dei servizi alla comunità. Sembra essere questo il senso del progetto presentato ieri mattina, nella sala Giunta di Palazzo Torino, dall’amministrazione di centrodestra guidata dal sindaco Raffaele Allocca. Progetto che riguarda l’utilizzo, in comodato d’uso per quattro anni, di un pulmino (un Fiat Ducato) da mettere a disposizione di anziani e disabili della cittadina sommese. “Il Comune di Somma Vesuviana attraverso l’assessorato alle Politiche Sociali” ha spiegato il dirigente d’area Nicola Anaclerio “ha attivato una collaborazione con la società Mgg Italia S.p.A. per la realizzazione di un progetto finalizzato a garantire gratuitamente la mobilità sul territorio di cittadini disabili attraverso la disponibilità di un mezzo di trasporto attrezzato. Mgg Italia S.p.A. offre, con modalità assolutamente inedite nel panorama italiano, la possibilità ai Comuni (e sarebbero 22 in Campania quelli che avrebbero aderito all’iniziativa n.d.r.) di dotarsi di mezzi idonei per le esigenze di mobilità dei Cittadini più disagiati, attraverso il reperimento di spazi pubblici da parte di Aziende locali che vedranno, in cambio, il proprio logo iscritto sulle fiancate dei mezzi messi a disposizione dell’ente in comodato d’uso gratuito”. Il ricavato dalle sponsorizzazioni andrebbe in parte alla Mgg ed in parte al mantenimento del mezzo che dovrebbe essere gestito da associazioni locali. Oltre al bus però, sempre secondo il dirigente, “tra circa un mese dovrebbe partire anche il centro diurno per disabili il quale ha lo scopo sia di aggregare i diversamente abili e sia di porsi come centro d’ascolto e di informazione per quelle famiglie che si dimenano nella selva burocratica di questo paese”. A rilanciare l’idea del connubio tra pubblico e privato per garantire nuovi servizi ai cittadini è stato Raffaele Allocca. “Noi ci sentiamo anche gratificati da queste iniziative che partono dall’amministrazione ma che poi vengono sposate da tutta la città. E questa non l’unica iniziativa messa in campo” ha precisato il primo cittadino. “A breve risolveremo anche la questione Ipav (l’ex convento delle suore del Carmine di proprietà della regione n.d.r.) prendendo in comodato d’uso la struttura e destinandola alle attività sociali del territorio”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.