Home > Attualità > Comunicati Stampa > Napoli, POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013

Napoli, POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013

venerdì 28 gennaio 2011, di Comunicato Stampa


Presentato ieri, 27 gennaio, a Napoli, nel corso di un Info-day, il Programma Operativo Interregionale Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 (POI Energia), che sostiene interventi di efficientamento e risparmio energetico e produzione di energia da fonti rinnovabili nelle quattro Regioni dell’Obiettivo “Convergenza” (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia).
Sergio Vetrella, Assessore ai Trasporti, Viabilità e Attività produttive della Regione Campania, ha aperto i lavori celebrando, con un minuto di silenzio, la “Giornata della memoria”, in ricordo delle vittime della Shoah. Poi ha introdotto l’argomento, sottolineando l’importanza del POI Energia, che “promuove le energie rinnovabili attraverso un investimento specifico che si integra con le risorse regionali già stanziate per questo settore. La Regione Campania - ha continuato Vetrella – sta mettendo in campo un nuovo bando di diverse centinaia di milioni di euro, la cui pubblicazione è prevista per maggio, per facilitare l’utilizzo di energie rinnovabili e risollevare la situazione generale di settore, fortemente penalizzata in questa Regione.”
Luca Limongelli, Autorità di Gestione del POI Energia, ha sottolineato che il Programma si può definire ben avviato con numerosi interventi ammessi a finanziamento, che vedono come beneficiari ospedali, scuole, edifici pubblici. “C’è grande aspettativa rispetto al Programma – ha continuato Limongelli - testimoniata dalla elevata risposta ai bandi già conclusi e al forte interesse manifestato per quelli ancora in corso”.
Per il Ministero dello Sviluppo Economico - DG Energia Nucleare, Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica, Simonetta Piezzo ha illustrato i risultati del bando già concluso afferente alla Linea 1.3, per la realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, che ha finanziato ben 106 progetti nelle quattro Regioni, con una erogazione in Campania di oltre 4,4 milioni di euro per l’elettrico (fotovoltaico e cogenerazione) e di oltre 3 milioni per il termico (solare termico e biomasse).
Ancora in corso il bando da 20 milioni di euro per il finanziamento di progetti esemplari di produzione di energia da fonti rinnovabili su edifici pubblici. I progetti riguardano la realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili con caratteristiche di esemplarità, in relazione alla natura ed alle funzioni degli edifici interessati, all’integrazione architettonica ed alla capacità di integrazione ambientale, al mix delle fonti di energia utilizzate, alle caratteristiche tecniche e tecnologiche degli impianti. I beneficiari sono i Ministeri, le Università, le Regioni, le Province, i Comuni e le Comunità montane delle aree dell’obiettivo Convergenza che possono presentare istanza al MISE dall’1 al 20 aprile 2011.
Per il Ministero dell’Ambiente, Antonio Strambaci Scarcia, DG per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l’Energia, ha illustrato i risultati dei tre bandi di finanziamento già emanati: il bando per le aziende sanitarie locali e le aziende ospedaliere, per la linea di attività 2.2 e 2.5 con un importo 60 Meuro che ha visto 21 manifestazioni d’interesse approvate, tra cui in Campania il progetto dell’Istituto nazionale dei tumori "G. Pascale" e dell’l’Azienda ospedaliera Antonio Cardarelli. Ancora in corso di valutazione il bando congiunto MATTM-MIUR rivolto agli istituti scolastici, con una dotazione finanziaria di 20 Meuro, che conta 102 candidature pervenute e il bando per i Comuni fino a 15.000 abitanti compresi borghi antichi e di pregio, con una dotazione finanziaria di 60 Meuro e 704 candidature pervenute.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.